sabato 03 dicembre | 23:23
pubblicato il 06/mar/2015 19:12

Lo spread sotto 90 punti, Tesoro risparmia 0,5 mld in 2 mesi

Sensibile riduzione dei tassi anche sui corporate bond

Lo spread sotto 90 punti, Tesoro risparmia 0,5 mld in 2 mesi

Roma, 6 mar. (askanews) - Il quantitative easing della Bce ha già prodotto effetti sensibili sui tassi di interesse nell'area euro anche se il programma di acquisto di titoli di Stato partirà lunedì prossimo. Insomma l'effetto annuncio ha funzionato prima ancora di impiegare 60 miliardi di euro al mese. I rendimenti dei bond governativi del club dell'euro sono ai minimi storici. Per l'Italia il Btp decennale mostra un rendimento inferiore all'1,30% e lo spread scende sotto quota 90 punti, cosa che non accadeva dal 2010. Un calo dei rendimenti significa una minore spesa per interessi.

Nei primi due mesi dell'anno il Tesoro può già contare una minore spesa per interessi sui titoli emessi di quasi mezzo miliardo di euro rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. Tra gennaio e febbraio Via XX Settembre ha collocato titoli per un ammontare di poco oltre 74 miliardi di euro, rispetto ai quasi 76 miliardi del primo bimestre 2014. Sull'emesso la spesa per interessi ammonta ad appena 640 milioni di euro rispetto a 1,11 miliardi dell'anno scorso. E a gennaio il Tesoro ha piazzato il nuovo Btp a 30 anni con un'emissione da 6,5 miliardi di euro (con un rendimento del 3,29%) mentre a gennaio dell'anno scorso il collocamento del Btp a 30 anni era stato di soli 1,5 miliardi (con un rendimento del 4,59%).

Alcuni analisti stimano che il programma di acquisti di bond governativi produrrà un risparmio di 6 miliardi di euro di spesa per interessi da parte del Tesoro nel 2015.

Ma il QE della Bce da almeno 1.140 miliardi di euro fino al settembre 2016, produce effetti positivi anche sui corporate bond. Tra gennaio e il mese scorso aziende italiane quotate in borsa hanno piazzato bond per oltre 12 miliardi di euro con rendimenti in decisa discesa. Tra le più attive Intesa Sanpaolo con quasi 4 miliardi di euro di bond emessi. A titolo di esempio l'emissione da 1,25 miliardi non garantita di metà gennaio presenta un coupon dell'1,125% e un rendimento all'avvio dell'1,24%. Lo stesso tipo di emissione dell'anno scorso con scadenza a 5 anni pagava un coupon del 2%.

A inizio febbraio Terna ha collocato un bond da un miliardo di euro con una cedola dello 0,875% e Snam ha effettuato un'emissione a 8 anni da 250 miliardi con un coupon dell'1,50% e un rendimento dell'1,33% rispetto al bond del giugno dell'anno scorso a un tasso del 3,25%.

Tassi ai minimi storici anche per Telecom Italia che a gennaio ha piazzato un bond in euro da un miliardo con coupon rendimento al 3,33% rispetto al 4,62% della precedente emissione in euro che risale al 2012 ma con durata triennale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari