lunedì 05 dicembre | 11:50
pubblicato il 02/feb/2016 10:14

Libri, Motta: a furia di parlare di cultura i risultati arrivano

Il presidente Aie commenta il segno positivo del mercato nel 2015

Libri, Motta: a furia di parlare di cultura i risultati arrivano

Milano (askanews) - Dopo cinque anni di segni negativi, il mercato del libro in Italia è tornato a crescere, in una relazione piuttosto stretta con l'andamento del Pil. Un dato che nel 2015, per i canali trade, si assesta a +0,7%, ma che l'Associazione italiana editori, considerando l'intero mercato, arriva a innalzare fino al +1,6% sul 2014. Il presidente dell'Aie, Federico Motta, commentando i dati, parla di una nuova consapevolezza.

"Consapevolezza - ci ha spiegato - che questa volta deriva dal fatto che una discesa costante degli ultimi cinque anni si è fermata, ha dato un segno positivo che ovviamente non recupera le perdite degli ani scorsi, ma segnala che, a forza di parlare di cultura, come stanno facendo sia il ministro Franceschini, sia il presidente del Consiglio, a furia di parlare di lettura, di capire che la lettura è la base di uno sviluppo sociale e culturale del Paese, si crea inevitabilmente la possibilità di guardare verso il futuro con un atteggiamento diverso".

La partita, dunque, è culturale in primis, ma ovviamente anche imprenditoriale e nel discorso non si può tralasciare il tema del sostegno pubblico alle imprese che producono cultura, che nel caso del settore editoriale lo stesso Motta definisce pari a zero.

"Noi - ha aggiunto il presidente dell'Aie - vorremmo avere due cose fondamentalmente: da una parte dei giusti contributi alla promozione alla lettura, che non credo la debbano fare i privati, ma è un tema dello Stato, è un tema pubblico, sociale; dall'altra un quadro di riferimento certo".

Tornando a ragionare di numeri e trend, da registrare la risalita della lettura dei libri cartacei e il leggero rallentamento della lettura di ebook, ma non delle vendite del digitale, che crescono di oltre il 25%, ma restano su un valore di soli 51 milioni di euro a fronte degli 1,2 miliardi del mercato trade cartaceo.

Insomma, il segno positivo che tutti aspettavano è arrivato, ma si tratta ancora di un primo passo, non certo di un punto di arrivo.

Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Casa
Ag. Entrate: mercato immobiliare in rialzo, nel III trim. +17,8%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari