sabato 10 dicembre | 10:53
pubblicato il 02/mar/2012 05:11

Liberalizzazioni/ Ok Senato ma scoppia 'pasticciaccio' banche

Tra governo e Parlamento è rimpallo responsabilità

Liberalizzazioni/ Ok Senato ma scoppia 'pasticciaccio' banche

Roma, 2 mar. (askanews) - Il decreto liberalizzazioni ha compiuto il suo primo e decisivo giro di boa in Parlamento. Il governo ha incassato ieri la fiducia nell'Aula del Senato con 237 voti a favore, 33 voti contrari e 2 astensioni. Ma è scoppiato anche il 'pasticciaccio' sulle banche: con una mossa a sorpresa, proprio mentre si stava svolgendo il voto di fiducia, il presidente dell'Abi, Giuseppe Mussari, ha convocato una conferenza stampa e annunciato le dimissioni del comitato di presidenza per protestare contro le misure contenute nel provvedimento, che passa ora all'esame della Camera. Sotto accusa da parte dell'Abi, l'emendamento del Pd (approvato in commissione Industria) che annulla le commissioni bancarie sulle linee di credito. Che la temperatura sull'argomento fosse alta, l'aveva segnalato la dichiarazione del relatore Filippo Bubbico che nella serata di mercoledì aveva assicurato che la norma sarebbe stata cambiata nel maxiemendamento su cui il governo ha poi chiesto e ottenuto la fiducia. Ma, verificato che di modifiche nel maxiemendamento non c'era traccia, l'Abi è passata al contrattacco e, di lì, le dimissioni del comitato di presidenza dell'associazione. A stretto giro sono arrivate le dichiarazioni dei partiti che sostengono il governo: c'è chi ha fatto notare che in commissione l'esecutivo aveva dato parere favorevole e chi si è detto subito "pronto" come il Pdl a rivedere quanto deciso. Stessa posizione da parte del leader del Pd, Pier Luigi Bersani: "palesemente è uscita una norma, durante una febbricitante discussione notturna, che deve essere corretta, diamo piena disponibilità a correggerla - ha detto - si può fare nel decreto semplificazioni, ma il governo deve pronunciarsi". Ma nessuno sembra volersi ora accollare la paternità della norma approvata. Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, si è limitato a dire che sarà il premier Mario Monti a decidere e ha aggiunto che le dimissioni del comitato di presidenza dell'Abi, sono il "sintomo del grande disagio del settore bancario che è vicino all'economia del Paese". Mentre il sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri, Antonio Catricalà, ha tenuto a sottolineare che se il Parlamento lo vorrà l'esecutivo non si metterà "di traverso" e che c'è già un emendamento al decreto semplificazioni all'esame di Montecitorio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Latte
Mipaf: per latte e formaggi origine obbligatoria in etichetta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina