lunedì 05 dicembre | 16:18
pubblicato il 17/mag/2016 11:29

Lettera Ue a Italia: avrà flessibilità conti senza precedenti

Sconto di 0,85 punti di Pil, ma deficit 2017 non vada oltre 1,8%

Lettera Ue a Italia: avrà flessibilità conti senza precedenti

Bruxelles, 17 mag. (askanews) - La Commissione europea dovrebbe approvare domani i suoi giudizi sulle leggi di bilancio degli Stati membri per il 2016 e le sue "raccomandazioni specifiche per paese", sempre che i capi di gabinetto dei commissari, che si riuniscono oggi a Bruxelles, confermino questi punti nell'agenda della riunione del Collegio.

In una lettera recapitata all'Italia, la Commissione si mostra pronta a concedere tutta la flessibilità di bilancio richiesta e motivata dal ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, pari a 0,85 punti percentuali di Pil (14 miliardi di euro), ma a condizione che il governo si impegni a mantenere il rapporto deficit/Pil del 2017 all'1,8%, con una correzione di 0,1 punti percentuali rispetto al dato dell'1,9% atteso dall'Esecutivo comunitario nelle sue previsioni economiche d'autunno. La Commissione rimarca che si tratta di una flessibilità che non ha precedenti con nessun altro Paese.

Inoltre, Bruxelles chiede all'Italia di mantenere la clausola di salvaguardia, ovvero l'aumento dell'Iva, che il governo aveva predisposto come garanzia in caso di necessità per mantenere gli obiettivi di bilancio, ma che poi ha annunciato di non volere attuare.

Nella lettera - inviata dal vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis e dal commissario agli Affari economici e finanziari Pierre Moscovici, al ministro dell'economia Pier Carlo Padoan - vengono confermate le cifre che girano già da tempo riguardo alla quantificazione dei diversi elementi della flessibilità concessa: 0,5 punti percentuali di Pil per le riforme strutturali fatte dall'Italia e considerate convincenti, 0,25 punti per gli investimenti produttivi, e il resto per tenere conto dei costi della crisi migratoria (0,04%) e del giro di vite nella sicurezza (0,06%).

La decisione di mantenere in agenda per la riunione del collegio dei commissari di mercoledì le "pagelle" sui bilanci degli Stati membri non è ancora sicura, perché oltre al caso dell'Italia, che appare ormai poco controverso, ci sono due altri paesi che hanno una situazione molto più delicata, ciò che potrebbe indurre i capi di gabinetto a un rinvio. Si tratta di Spagna e Portogallo, che non sono riusciti a ridurre al fatidico 3% il proprio deficit-Pil e sono dunque in situazione di palese infrazione rispetto alle regole del Patto di Stabilità, al punto che la Commissione potrebbe prospettare per loro, teoricamente, la richiesta di sanzioni finanziarie fino allo 0,2% del loro Pil.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Fs
Antitrust: indagini su Trenitalia e Ntv per pratiche scorrette
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari