martedì 24 gennaio | 11:09
pubblicato il 01/mar/2016 17:44

Lego si reinventa e incassa crescita a due cifre sul fatturato

Oltre la metà deriva da nuove linee e sviluppo. Utili 2015 +30%

Lego si reinventa e incassa crescita a due cifre sul fatturato

Roma, 1 mar. (askanews) - Reinventarsi un prodotto in nuove varianti e linee tematiche, magari pubblicizzandolo collegandolo ad altre forme di intrattenimenti e ai media, tra cui film e produzioni Tv, può ripagare profumatamente gli sforzi fatti. E' il messaggio che sembra arrivare dai dati di bilancio di Lego, che in un anno di esitante ripresa in Europa ha messo a segno una crescita a due cifre a dispetto del confronto con un 2014 che era stato già vitaminizzato dal Film (The lego Movie).

Probabilmente ha aiutato non poco anche il successo ai botteghini del nuovo Guerre Stellari, su cui la casa dei mattoncini ad incastro ha avuto l'intuizione di creare già da tempo una linea.

Lego ha siglato il 2015 con un fatturato totale balzato a 35,78 miliardi di corone danesi, circa 4,8 miliardi di euro ai cambi attuali, il 25,176 per cento in più dei 28,6 miliardi di un anno prima. Gli utili netti sono cresciuti del 30 per cento, a 9,1 miliardi di corone, e nel rapporto 2015 l'amministratore delegato, Joergen Vig Knudstorp parla di "un anno fantastico".

"Stimiamo - ha detto Knudstorp - che nel corso dell'anno circa 100 milioni di bambini abbiamo avuto una esperienza con giochi Lego, che sia a casa, a scuola o partecipando ad attività in comunità, oppure tramite donazioni provenienti da tutto il mondo".

La già elevata redditività operativa si è ulteriormente rafforzata, al 34,2 per cento dei ricavi nel 2015 dal 33,9 per cento del 2014.

Performance che la società imputa alla strategia di globalizzazione e in particolare alla penetrazione di nuovi mercati, assieme all'innovazione apportata differenziando in più linee i mattoncini a incastro. E affiancando la produzione con campagne promozionali anche basate su cartoni Tv. Lego rileva come il 60 per cento del fatturato sia appunto legato a nuovo prodotti e a sviluppo.

Lego non è quotata in borsa, si tratta di una società a capitale privato detenuta in parte da una fondazione e per la maggioranza dalla holding dee Kirk Kristiansen, il cui attuale capofamiglia Kjeld, è considerato l'uomo più ricco di Danimarca.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: manovra fa aumentare debito
Commercio
Ricerca Nielsen, 87% di chi naviga in internet fa shopping online
Cambi
Protezionismo Trump riporta il dollaro ai minimi da dicembre
Bce
Draghi: collaborazione Stati invece di "richiami a cupi passati"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: strategia Ue premessa solido sviluppo attività
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4