giovedì 08 dicembre | 07:23
pubblicato il 10/dic/2013 18:36

Legge stabilita': Saccomanni, Bruxelles non ci chiede di fare cose nuove

(ASCA) - Bruxelles, 10 dic - In Commissione europea ''hanno riconosciuto che non dobbiamo fare cose nuove'' per mettere a posto i conti pubblici. Lo afferma il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, a margine dei lavori dell'Ecofin, rispondendo a chi gli chiede se ci sono stati chiarimenti con il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn. ''Nel corso del 2014 auspichiamo che dalle misure che abbiamo preso ci saranno delle risorse che potranno essere usate per ridurre il livello di debito e soddisfare questo criterio'' della riduzione del debito pubblico cosi' da poter richiedere l'attivazione della clausola per gli investimenti.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni