venerdì 20 gennaio | 21:31
pubblicato il 10/dic/2013 18:36

Legge stabilita': Saccomanni, Bruxelles non ci chiede di fare cose nuove

(ASCA) - Bruxelles, 10 dic - In Commissione europea ''hanno riconosciuto che non dobbiamo fare cose nuove'' per mettere a posto i conti pubblici. Lo afferma il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, a margine dei lavori dell'Ecofin, rispondendo a chi gli chiede se ci sono stati chiarimenti con il commissario europeo per gli Affari economici e monetari, Olli Rehn. ''Nel corso del 2014 auspichiamo che dalle misure che abbiamo preso ci saranno delle risorse che potranno essere usate per ridurre il livello di debito e soddisfare questo criterio'' della riduzione del debito pubblico cosi' da poter richiedere l'attivazione della clausola per gli investimenti.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4