venerdì 20 gennaio | 11:01
pubblicato il 27/nov/2013 16:42

Legge stabilita': Parisi, bene anagrafe per agenda digitale sanita'

(ASCA) - Roma, 27 nov - ''L'istituzione dell'Anagrafe Nazionale degli Assistiti e' la base fondamentale per portare a compimento l'Agenda Digitale della Sanita', che puo' valere risparmi stimati fino al 10% della spesa sanitaria''. E' il commento soddisfatto di Stefano Parisi, presidente di Confindustria Digitale, in merito al comma 149 del maxiemendamento alla Legge di stabilita' approvato questa notte da parte del Senato. Con l'Anagrafe unica della sanita' - provvedimento in realta' atteso da tempo che e' andato in porto ora solo grazie alla tenacia e convinzione del Ministro Lorenzin - che sara' collegata direttamente alla nuova Anagrafe nazionale delle popolazione residente, secondo Parisi: ''si superera' l'attuale frammentazione delle anagrafi degli assistiti, la cui regionalizzazione sconta enormi difficolta' di interoperabilita' tra le banche dati comunali e quelle delle ASL''. L'attuale assetto, infatti, accusa gravi situazioni di inefficienza e spreco di risorse pubbliche, che vanno dalle assegnazioni multiple di medici di medicina generale, a persone decedute ancora considerati viventi e - quindi - conteggiate nei compensi riconosciuti ai medici. ''Al contrario - precisa Parisi - con l'integrazione delle banche dati aumenteranno le possibilita' di monitoraggio da parte della Pa perche' tutte le amministrazioni interessate, nonche' gli operatori sanitari autorizzati, potranno accedere ai dati dell'ANA, semplificando lo scambio informativo e facilitando i necessari controlli''. ''Nei rapporti con i cittadini l'Ana rovescia finalmente la logica di funzionamento del servizio pubblico - nota il presidente di Confidnustria Digitale - infatti non sara' piu' il singolo assistito a dover comunicare i propri dati all'Azienda Sanitaria Locale perche' questi sono gia' in possesso dell'Amministrazione. Quindi il libretto sanitario cartaceo diventera' obsoleto, giacche' il cittadino potra' direttamente accedere in rete per consultare i dati che lo riguardano''. ''Grazie all'Ana, che verra' resa interoperabile con tutte le altre banche dati gia' istituite a livello regionale e nazionale -conclude Parisi - si potra' finalmente procedere alla digitalizzazione end-to-end di tutti i processi sottesi a un moderno percorso di cura dell'assistito, ivi compreso il Fascicolo Sanitario Elettronico. Ora e' importante proseguire al piu' presto sulla strada segnata dall'ANA anche nelle altre filiere pubbliche quali l'istruzione, il lavoro e la formazione professionale, la giustizia, mettendo alla base un'anagrafica informatizzata contenente le informazioni necessarie all'erogazione digitale del servizio''.

red/did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Inps
Inps: nel 2016 uso voucher +23,9% ma con tracciabilità stop corsa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale