martedì 06 dicembre | 15:08
pubblicato il 15/ott/2013 11:34

Legge stabilita': Palombella (Uilm), serve taglio serio a cuneo fiscale

(ASCA) - Roma, 15 ott - ''Oggi e' il giorno della presentazione della Legge di stabilita' e ci aspettiamo seri tagli al cuneo fiscale, perche' siamo stanchi delle tasse che gravano sul lavoro e che rallentano costumi ed investimenti. Quindi ci auguriamo che il governo eserciti un agire concreto da questo punto di vista''. Lo ha detto Rocco Palombella, segretario generale della Uilm a Genova dove ha incontrato tutte le realta' provinciali dei metalmeccanici liguri della Uil. ''Ci vuole ponderazione ed equilibrio - ha continuato Palombella - perche' gli interventi a favore del lavoro devono essere incisivi, ma non devono gravare poi sugli stessi lavoratori con ulteriori restringimenti a voci fondamentali per la loro vita, come le spese sanitarie''. Il leader della Uilm ha toccato poi i punti di crisi relativi ai problemi del navalmeccanico e al settore civile di Finmeccanica. ''La cantieristica - ha sottolineato il sindacalista - affonda gran parte del proprio retroterra produttivo in questa regione. Mai come ora occorre sostenerla. Solo per fare un esempio la Marina Militare sta portando avanti un programma di rinnovo complessivo della flotta che prevede, in aggiunta al completamento delle Fremm e di sommergibili U212A, attualmente in corso di realizzazione, in un arco temporale di dieci anni, ulteriori 31 unita' per un controvalore di 12 miliardi di euro: e' necessario individuare una copertura finanziaria per avviare la prima fase finalizzata alla realizzazione delle prime 10 unita' ''. Per quanto concerne, invece, le preoccupazioni relative al settore civile del gruppo guidato da Pansa e De Gennaro, Rocco Palombella ha ascoltato con attenzione le preoccupazioni dei metalmeccanici liguri: ''Occorre salvaguardare - e' emerso dal dibattito - gli 'asset' strategici dei settori di trasporti ed energia costituiti da Ansaldo Energia, Ansaldo STS e Ansaldo Breda''. Infine, la richiesta a tenere alta l'attenzione per salvaguardare il settore siderurgico. ''Senza la produzione d'acciaio - ha concluso il segretario generale della Uilm - si paralizza il manifatturiero all'interno del perimetro nazionale e la nostra industria non sara' piu' in grado di competere a livello internazionale. Salvaguardare gli impianti produttivi dell'Ilva a Taranto significa garantire quelli di Cornegliano a Genova per evitare ogni tipo di effetto domino che ci faccia soccombere rispetto ad altri produttori emergenti sui nostri segmenti di mercato''. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Borsa
Vittoria No non spaventa la Borsa (-0,21%) ma banche vanno giù
Governo
Governo, Cgil: elezioni anticipate pericolosa fuga in avanti
Cnel
Referendum, Napoleone: popolo ha riconosciuto il ruolo del Cnel
Fs
Fs: venerdì treni regolari, revocato sciopero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Cina: vino batte riso per prima volta nella storia
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
AsiaHaptics 2016, Università di Siena premiata per guanto robotico
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni