venerdì 20 gennaio | 07:29
pubblicato il 25/ott/2013 12:59

Legge stabilita': Palombella (Uilm), condividiamo sciopero 4 ore

(ASCA) - Roma, 25 ott - ''Condividiamo lo sciopero di quattro ore a livello regionale da tenersi durante il mese di novembre, proclamato da Cgil, Cisl e Uil, perche' e' giusto manifestare tutta la nostra insoddisfazione per i contenuti insufficienti della Legge di Stabilita' presentata dal Consiglio dei ministri in questo mese''. Lo scrive Rocco Palombella, segretario generale della Uilm nell'articolo d'apertura di ''Fabbrica societa''', il giornale sindacale dei metalmeccanici che sara' on line da domani mattina.

''Se e' vero - spiega il leader della Uilm - che e' stata sprecata un'occasione da parte dell'esecutivo per ridurre concretamente il cuneo fiscale a favore del lavoro, per l'industria in quel disegno di legge c'e' poco o niente: non ci sono risorse concrete a favore della ripresa manifatturiera, dello sviluppo tecnologico, a sostegno della rete infrastrutturale, soprattutto digitale. Insomma se con piu' soldi in busta paga sarebbero potuti ripartire i consumi, con piu' risorse a favore del metalmeccanico si sarebbe potuta individuare qualche certezza consistenza verso le possibilita' di crescita economica. Invece, niente. Siamo in presenza di una Legge di Stabilita' che sembra sia stata apprezzata dalle istituzioni europee ed internazionali, ma nel malcontento generale manifestato non solo dai sindacati, ma da imprese, consumatori ed addirittura dalla maggioranza delle forze politiche presente nei due rami del Parlamento''.

''Si dice - aggiunge - che proprio i passaggi parlamentari potrebbero migliorare il disegno di legge che rappresenta il quadro delle disposizioni finanziarie vigente. Alla speranza non si possono voltare le spalle, ma il problema vero e' che nelle aule di Montecitorio e Palazzo Madama quella Legge di Stabilita' puo' uscire riscritta in peggio, ovvero stravolta in quei pochi capisaldi accettabili, come il finanziamento della Cassa integrazione in deroga. Questa e' la realta'. Ed in questo frangente abbiamo anche dovuto fronteggiare gli inviti della Fiom, mai sazia di apparizioni televisive e manifestazioni in piazza e in solitaria, che voleva uno sciopero solo dei metalmeccanici e prima di quello proclamato dalle confederazioni''. Secondo Paolmbella ''prima o poi dovremo con distacco riflettere sulla scelta di un sindacato di categoria che ha rinunciato a combattere la difesa degli interessi dei lavoratori ai tavoli di trattativa ed ha preferito l'esposizione mediatica. Un danno concreto per gli addetti al settore metalmeccanico, ai sindacati che li rappresentano, ma anche alle confederazioni di riferimento a partire dalla Cgil che nulla ha fatto per porvi rimedio in tempi utili''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale