venerdì 09 dicembre | 14:27
pubblicato il 01/nov/2013 15:37

Legge stabilita': D'Angelis, un nulla 180 mln in 3 anni per difesa suolo

(ASCA) - Roma, 1 nov - ''Nell'anno del 50esimo anniversario della strage del Vajont, a pochi giorni dall'anniversario delle grandi alluvioni del 4 novembre 1966 che sommersero un terzo dell'Italia e devastarono Firenze, dopo tante promesse e annunci, trovo sconcertante e ai limiti dell'autolesionismo per il Governo che le bozze della Legge di Stabilita' predisposte dal Ministero dell'Economia e Finanze stanzino per la tutela del suolo nell'81,9% dei 6.633 Comuni in dissesto e a rischio frane e alluvioni, dove vivono 5,8 milioni di italiani (9,6% della popolazione nazionale) con un totale 1,2 milioni di edifici, decine di migliaia di industrie e un patrimonio storico e culturale inesistabile, la miseria di 30 milioni di euro per il 2014, 50 milioni per il 2015 e 100 milioni per il 2016. Cioe' per l'opera pubblica considerata piu' urgente, in tre anni dedichiamo 180 milioni! Un nulla''. Lo afferma il Sottosegretario alle Infrastrutture e Trasporti, Erasmo D'Angelis intervistato dall'emittente televisiva Rtv38, sottolineando che ''e' un errore clamoroso e incomprensibile e spero sia stata solo la svista di qualche superburocrate sforbiciatore del tutto avulso dalla realta', e spero intervenga il presidente Letta a correggere quelle cifre che sono un insulto per i tanti italiani e i territori alluvionati che da noi aspettano risposte concrete''. Per il sottosegretario ''ci sono tutte le condizioni per far partire un programma serio e coraggioso di investimenti come hanno proposto il ministro Orlando, chiedendo 900 milioni l'anno, e all'unanimita' la commissione Ambiente della Camera presieduta da Ermete Realacci con 500 milioni l'anno. E' strategico assegnare risorse per la difesa del suolo, togliendole dal Patto di Stabilita', anche per un motivo economico e di risparmio per le casse dello Stato: 1 euro speso in prevenzione determina un risparmio di 100 euro in riparazione dei danni, e noi dobbiamo smetterla di pagare, come facciamo dal 1945, un assegno di oltre 5 miliardi l'anno solo per gestire le emergenze senza mai prevenirle!''.

Un concetto economico semplice - conclude il Sottosegretario - ''che troppi furbi e i burocrati contabili di Roma e Bruxelles non vogliono capire, e per quanto ci riguarda faremo di tutto per farli tornare nel mondo reale''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Lungarotti, Cantine aperte a Natale
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina