sabato 10 dicembre | 19:34
pubblicato il 15/nov/2013 11:47

Legge stabilita': Commissione Ue, niente deroga su investimenti...(1Upd)

(ASCA) - Bruxelles, 15 nov - Per il nostro paese non ci sono le condizioni per avvalersi della clausola degli investimenti a sostegno della crescita, in base alla quale le spese a sostegno della crescita non vengono tenute in considerazione ai fini del conteggio del deficit. Cio' per via dell'elevato livello di debito pubblico, che rischia di ripercuotersi sul deficit. Lo afferma la Commissione europea nel giudizio sulla Legge di stabilita'. La clausola sugli investimenti pro-crescita e' importante per la liberta' di manovra dei paesi. In base al patto di bilancio europea (o 'fiscal compact'), tutti i paesi (che sono 25, in quanto il patto non e' stato sottoscritto da Gran Bretagna e Repubblica ceca) devono mantenere entro il 3% il livello di deficit rispetto al Pil. La clausola per gli investimenti produttivi prevede che le spese per interventi a sostegno dell'economia e della produttivita' non vengano conteggiati in questo calcolo per la soglia del deficit. Oggi la Commissione europea ha concluso che ''l'Italia non puo' beneficiare della clausola per gli investimenti nel 2014 in quanto sulla base delle previsioni autunnali della Commissione europea non ci sarebbero gli aggiustamenti strutturali minimi richiesti per portare il rapporto debito/Pil verso un livello di decrescita sufficiente''.

L'Italia, si legge nel documento della Commissione, ha incluso nella bozza di piano per il 2014 circa un quarto di punto percentuale di spesa di Pil, in relazione all'intenzione del governo di beneficiare della clausola per gli investimenti. ''L'Italia, pero', per il 2014 non rispetta i criteri di debito e questo determina una non ammissibilita' della clausola''. Di conseguenza, continua la Commissione Ue, ''l'Italia deve continuare a realizzare progressi sufficienti sugli obiettivi di medio termine anche nel 2014, assicurando le correzioni strutturali necessarie''.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina