sabato 21 gennaio | 15:11
pubblicato il 15/ott/2013 21:41

Legge stabilita': Cgil, non convince. Mancano segnali di equita'

(ASCA) - Roma, 15 ott - In attesa di conoscere l'intero provvedimento, le prime indicazioni sulla Legge di stabilita' ''non convincono''. E' quanto fanno sapere dalla Cgil, secondo cui nel provvedimento presentato questa sera mancano ''un chiaro segnale di equita' e chiare indicazioni in direzione di ridistribuzione dei redditi''.

In particolare, secondo Corso d'Italia ''risultano insufficienti le risorse destinate alla restituzione fiscale per i lavoratori, mentre per il reddito da pensione nulla e' stato detto''. La Cgil esprime ''preoccupazione'' anche per il capitolo sulla pubblica amministrazione, con tagli che ''rischiano di scaricarsi totalmente sui lavoratori, come era gia' emerso dalle bozze circolate in questi giorni''.

Il sindacato guidato da Susanna Camusso ribadisce che ''senza una riduzione delle diseguaglianze, nn ci puo' essere alcuna idea di crescita e rilancio dell'economia del Paese''.

drc/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4