domenica 26 febbraio | 06:46
pubblicato il 15/ott/2013 13:14

Legge stabilita': Centrella (Ugl), no a nuovo taglio a Patronati

(ASCA) - Roma, 15 ott - ''Un eventuale, ulteriore taglio di risorse ai Patronati nella Legge di Stabilita' sarebbe una misura demagogica utile a fare cassa, ma anche a tagliare pesantemente servizi rivolti alla fasce piu' povere della popolazione''. Lo dichiara Giovanni Centrella, Segretario Generale dell'Ugl, spiegando come ''ai Patronati si rivolgono cittadini, soprattutto anziani, che non hanno la possibilita' e i mezzi di effettuare da soli alcune importanti pratiche burocratiche. Senza dimenticare che un conseguente ridimensionamento di tali prestazioni metterebbe in pericolo i posti di lavoro esistenti nei Patronati stessi, proprio in un periodo in cui ci viene raccontato che la lotta alla disoccupazione e' la priorita' dell'esecutivo''.

''Qualora questa misura dovesse essere contenuta nella Legge di Stabilita' insieme a tante altre allarmanti misure che ora dopo ora stiamo apprendendo dai mezzi di informazione - conclude Centrella - vuol dire che il governo ha messo il lavoro al centro della sua azione senza rendersi conto che in realta' lo sta colpendo in tutte le direzioni e che, di conseguenza, i cittadini italiani saranno chiamati ancora una volta a pagare per colpe che non hanno''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech