venerdì 24 febbraio | 14:29
pubblicato il 24/ott/2013 17:59

Legge stabilita': Centrella (Ugl), mi aspetto correzioni in Parlamento

(ASCA) - Roma, 24 ott - ''L'Ugl si aspetta dal Parlamento un contributo serio al miglioramento della Legge di Stabilita' che nella sostanza chiede di piu' a chi ha di meno''.

Lo dichiara in una nota il segretario generale dell'Ugl, Giovanni Centrella, spiegando come ''proprio per questo abbiamo rivolto a tutti i Capigruppo di Camera e Senato una richiesta di incontro per spiegare cio' che non va e deve essere cambiato nel ddl''.

''Mettendo insieme tutti i tasselli del mosaico - sottolinea il leader sindacale - tra Trise, blocco dei contratti, degli straordinari e rateizzazione del Tfr per il pubblico impiego, ''l'offensivo'' taglio del cuneo fiscale, l'assenza totale del Sud, l'ulteriore schiaffo ai pensionati, le scarse risorse destinate alla cassa integrazione dovrebbe essere evidente a chiunque che il ceto medio-basso continua ad essere colpito, a perdere risorse e a fare troppi sacrifici''.

com-drc/cam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
P.A.
P.A., Madia: pronti a riavviare percorso per rinnovo contratto
P.A.
P.A., Madia: ok a ultimi cinque decreti, completata la riforma
Alitalia
Alitalia, sindacati: adesione sciopero unanime, azienda tratti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech