venerdì 02 dicembre | 19:32
pubblicato il 16/ott/2013 17:32

Legge stabilita': Baretta, su Imu da Tosi polemica pretestuosa e inutile

(ASCA) - Roma, 16 ott - ''Polemica pretestuosa ed inutile''.

Cosi' il sottosegretario all'economia, Pier Paolo Baretta definisce le dichiarazioni del sindaco di Verona, Flavio Tosi che, commentando l'approvazione della legge di stabilita' ha sottolineato come Baretta abbia riferito che ''il Governo, dopo il 30 novembre - termine ultimo per l'approvazione del bilancio preventivo 2013 - dira' ai comuni se ci sara' o meno il rimborso della seconda rata dell'IMU sulla prima casa e se il Governo coprira' l'eventuale innalzamento praticato da quasi tutti i grandi comuni d'Italia''.

In una nota il sottosegretario tiene a precisare, invece, che ''il sindaco Tosi sa bene che la prima rata dell'IMU e' gia' stata rimborsata ai Comuni e che il calcolo su quanto rimborsare ulteriormente dipendera' dall'aliquota che i Comuni stabiliranno nei loro bilanci, che possono essere chiusi entro il 30 novembre, e quindi e' del tutto evidente che prima di quella data non ci sono dati disponibili''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Censis
Censis: ko economico giovani,più poveri di coetanei di 25 anni fa
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari