lunedì 23 gennaio | 05:44
pubblicato il 25/ott/2013 08:43

Legge stabilita': Anief, nuovo blocco turn-over anche in Universita'

(ASCA) - Roma, 25 ott - In fumo le speranze dei precari della ricerca per sottrarre altri 182 milioni di euro al Fondo di finanziamento ordinario (Ffo) per il triennio 2016-2018: l'Universita', dopo i ministeri, e' il settore piu' colpito dai tagli. Il governo fa marcia indietro dopo l'annuncio del ministro Carrozza dei mesi scorsi riguardo a un massiccio piano di reclutamento. Al palo migliaia di dottori e assegnisti di ricerca con diversi anni di docenza a contratto alle spalle. E i cervelli continuano a fuggire. Questa la denuncia dell'Anief (associazione professionale sindacale) nel dossier sulla legge di stabilita'.

Soltanto due mesi fa - spiega l'Anief - il Parlamento aveva dirottato 75 milioni di euro dal fondo per i servizi terziarizzati delle scuole al Ffo per i concorsi da bandire negli atenei per l'assunzione dei ricercatori a seguito della prossima conclusione delle procedure di abilitazione nazionale. Ora il Ministero delle Finanze li sacrifica per la finanziaria. Per Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir, ''questo modo schizofrenico di governare, senza una seria programmazione, oltre ad alimentare le delusioni delle migliaia di ricercatori precari che si sono sottoposti alla valutazione scientifica, ci allontana dai Paesi al vertice del G8 che, invece, aumentano gli investimenti per l'Universita' e la Ricerca. Non e' possibile rinviare sistematicamente le percentuali del blocco del turn-over per esigenze di cassa. Si bruciano diverse generazioni''. Gia' nella legge 133/2008 si pensava di bloccare il turn-over al 50% nel 2012 anche dopo l'ultima modifica operata dalla legge 122/2010 si era confermato il 100% delle assunzioni dal 2016. Ora il Governo - denuncia l'associazione - nel disegno di legge di stabilita', rinvia tale percentuale ancora una volta al 2018, per esigenze di cassa. Limitato nuovamente al 60% per l'Universita' il turn-over per il 2016 e all'80% per il 2017, mentre rimane al 40% per il 2015. Le economie di spese saranno certificate come riduzione del FFO (-28 milioni per il 2016, -70 milioni per il 2017, -84 milioni per il 2018).

red/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4