domenica 19 febbraio | 17:58
pubblicato il 25/ott/2013 08:43

Legge stabilita': Anief, nuovo blocco turn-over anche in Universita'

(ASCA) - Roma, 25 ott - In fumo le speranze dei precari della ricerca per sottrarre altri 182 milioni di euro al Fondo di finanziamento ordinario (Ffo) per il triennio 2016-2018: l'Universita', dopo i ministeri, e' il settore piu' colpito dai tagli. Il governo fa marcia indietro dopo l'annuncio del ministro Carrozza dei mesi scorsi riguardo a un massiccio piano di reclutamento. Al palo migliaia di dottori e assegnisti di ricerca con diversi anni di docenza a contratto alle spalle. E i cervelli continuano a fuggire. Questa la denuncia dell'Anief (associazione professionale sindacale) nel dossier sulla legge di stabilita'.

Soltanto due mesi fa - spiega l'Anief - il Parlamento aveva dirottato 75 milioni di euro dal fondo per i servizi terziarizzati delle scuole al Ffo per i concorsi da bandire negli atenei per l'assunzione dei ricercatori a seguito della prossima conclusione delle procedure di abilitazione nazionale. Ora il Ministero delle Finanze li sacrifica per la finanziaria. Per Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario organizzativo Confedir, ''questo modo schizofrenico di governare, senza una seria programmazione, oltre ad alimentare le delusioni delle migliaia di ricercatori precari che si sono sottoposti alla valutazione scientifica, ci allontana dai Paesi al vertice del G8 che, invece, aumentano gli investimenti per l'Universita' e la Ricerca. Non e' possibile rinviare sistematicamente le percentuali del blocco del turn-over per esigenze di cassa. Si bruciano diverse generazioni''. Gia' nella legge 133/2008 si pensava di bloccare il turn-over al 50% nel 2012 anche dopo l'ultima modifica operata dalla legge 122/2010 si era confermato il 100% delle assunzioni dal 2016. Ora il Governo - denuncia l'associazione - nel disegno di legge di stabilita', rinvia tale percentuale ancora una volta al 2018, per esigenze di cassa. Limitato nuovamente al 60% per l'Universita' il turn-over per il 2016 e all'80% per il 2017, mentre rimane al 40% per il 2015. Le economie di spese saranno certificate come riduzione del FFO (-28 milioni per il 2016, -70 milioni per il 2017, -84 milioni per il 2018).

red/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia