sabato 03 dicembre | 06:13
pubblicato il 27/gen/2014 10:45

Lazio: Intesa SanPaolo, export Poli tecnologici -7,5% nel 3* trim 2013

(ASCA) - Roma, 27 gen 2014 - I poli tecnologici del Lazio chiudono il terzo trimestre 2013 con un calo delle esportazioni tendenziale del 7,5%; si tratta del primo segno meno da fine 2009. Questa inversione di tendenza e' il risultato del contributo negativo di tutti e tre i poli: aereonautico (-41,6%), ICT (-6,9%) e farmaceutico (-2,1%).

Dopo 17 trimestri di crescita consecutiva (di cui gli ultimi sette a doppia cifra), il polo farmaceutico laziale evidenzia i primi segnali di un fisiologico rallentamento. Nel complesso il dato cumulato relativo ai primi nove mesi dell'anno resta comunque ampliamente positivo (+15,1%) e superiore alla media dei poli tecnologici italiani (+5%) confermando la competitivita' delle imprese del territorio.

Questo il quadro emerso dall'ultimo aggiornamento del Monitor dei poli tecnologici del Lazio, prodotto dal Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo.

L'analisi per sbocco commerciale mostra come a una sostanziale tenuta dei mercati maturi si contrapponga un crollo degli scambi con le economie emergenti . Nel terzo trimestre infatti e' cresciuto l'export verso il Belgio e il Regno Unito mentre e' diminuito verso Stati Uniti, Francia e Germania. Tra i nuovi mercati segni positivi si osservano negli Emirati Arabi Uniti e in Corea del Sud mentre sono calate le vendite verso Cina e Romania.

Prosegue invece il recupero del distretto della ceramica di Civita Castellana che chiude le esportazioni del trimestre con un +12%, trainate dalle vendite nel Regno Unito e in Spagna. Nonostante i risultati positivi, restano lontani i livelli pre-crisi a testimonianza di un quadro ancora fragile, come conferma l'elevato ricorso agli strumenti di integrazione salariale.

Il quadro del mercato del lavoro si conferma ancora fragile. Nei primi undici mesi del 2013 le ore di CIG autorizzate nei poli hi-tech laziali sono diminuite del 32%, grazie al ridimensionamento della componente straordinaria e in deroga. Il calo del ricorso alla cassa in deroga potrebbe pero' essere legato piu' a problemi di finanziamento che riflettere un miglioramento congiunturale. Continua invece a crescere la componente ordinaria che si posiziona su livelli storicamente elevati.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari