sabato 21 gennaio | 14:40
pubblicato il 05/feb/2012 14:17

Lavoro/Fornero:Contratto di riferimento resta tempo indeterminato

Vigileremo su rispetto quote genere di società

Lavoro/Fornero:Contratto di riferimento resta tempo indeterminato

Milano, 5 feb. (askanews) - "Le quote sono la negazione del merito ma se certi processi non avvengono spontaneamente - e il tempo al Paese è stato dato - allora bisogna agire con una spinta più forte". Lo ha affermato, il ministro per il Welfare e per le Pari opportunità Elsa Fornero, alla vigilia di una nuova stagione di nomine ai vertici delle principali società quotate e pubbliche. Il governo, assicura, "vigilerà affinché la normativa sia rispettata". Le competenze ci sono: "tutte le associazioni e i siti che si occupano di questo tema hanno provveduto a raccogliere curricula di donne in grado di sedere nei Cda. E poi, devo dire, non si è mai molto guardato alle competenze degli uomini, che magari siedono in ben più di un consiglio di amministrazione". Fornero ha ammessso che le donne sono state le più penalizzate dalla riforma delle pensioni. Ed è per questo che ora "dobbiamo buttarci a cambiare il mercato del lavoro": quel sistema pensionistico "funziona se funziona bene il mercato del lavoro. A quel punto le donne potranno rivendicare di avere le stesse condizioni degli uomini". Secondo il ministro bisogna andare verso "un contratto di riferimento, che deve essere il contratto a tempo indeterminato se parliamo di lavoro subordinato. Poi il contratto a tempo determinato e forme di flessibilità". Riguardo la normativa per impedire il fenomeno delle 'dimissioni in bianco', Fornero annuncia che si sta studiando un provvedimento "che sia a tutela di un lavoratore che può essere in condizioni di inferiorità e costretto alle dimissioni, ma non vogliamo che sia una rivalsa nei confronti delle imprese". Sulla questione del congedo per i padri, Fornero si è detta favorevole ma "attenzione, non vogliamo caricare di costi le imprese. Penso che potremmo far riferimento ai disegni di legge già in discussione in parlamento per pensare a ripartire il congedo tra i due genitori in modo che nessuno dei due prenda meno di un x per cento. Non vogliamo, cioè, aggiungere un congedo a quelli esistenti, perché in questo caso aumenteremmo gli oneri per le imprese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bankitalia
Bankitalia: inflazione risale a 1,3% nel 2017, rischi da salari
Bankitalia
Bankitalia: crescita prosegue, Pil 2017 a +0,9% e 2018 a +1,1%
Bankitalia
Bankitalia: disoccupazione resta elevata, calo solo graduale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4