domenica 26 febbraio | 13:55
pubblicato il 19/gen/2012 08:01

Lavoro/ Verso il contratto unico, ora sono 48

Repubblica: Si chiama Cui,durerà fino 3 anni,risarciti licenziati

Lavoro/ Verso il contratto unico, ora sono 48

Roma, 19 gen. (askanews) - Tra ministri, sindacati e imprenditori si sarebbe trovato un comune terreno di discussione per la riforma del mercato del lavoro. La base, secondo quanto riferisce il quotidiano La Repubblica, sarebbe quella suggerita due anni fa dagli economisti Tito Boeri e Pietro Garibaldi, per la sostituzione dei 48 contratti collettivi oggi in vigore con un contratto unico per tutti i settori. Il provvedimento dovrebbe essere varato in febbraio, secondo il ministro Elsa Fornero, non con un decreto legge ma con un semplice disegno di legge oppure un disegno di legge delegato. Il nuovo contratto si chiamerà Cui, acronimo per Contratto unico d'ingresso. Secondo quanto viene riferito dal quotidiano romano, si distinguerà in due fasi: una d'ingresso, che potrà durare fino a tre anni; una seconda fase di stabilità, in cui il lavoratore godrà di tutte le tutele che oggi sono riservate ai contratti a tempo indeterminato. In caso di licenziamento nella prima fase del contratto, il lavoratore avrà diritto a un risarcimento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech