martedì 28 febbraio | 06:51
pubblicato il 07/ott/2013 15:00

Lavoro: Uil, preoccupa crescita disoccupazione. Ridare fiato a economia

(ASCA) - Roma, 7 ott - ''Se il numero delle ore autorizzate di cassa integrazione e' drammaticamente in linea con i dati dello scorso anno, e' molto preoccupante anche la costante crescita delle richieste degli strumenti di sostegno al reddito per chi perde definitivamente il posto di lavoro''.

Cosi' il segretario confederale della Uil, Guglielmo Loy, commenta gli ultimi dati dell'Inps sul tiraggio della Cig a settembre.

''Si conferma cio' che si temeva: il passaggio per molti lavoratori dalla cassa integrazione, spesso quella in deroga, alla vera e propria disoccupazione - prosegue il sindacalista -. Rimane assente, per oltre 1,2 milioni di persone che hanno perso il lavoro, qualsiasi azione per una loro ricollocazione. Ancora piu' urgente e' la necessita' di un salto di qualita' che ridia fiato ad un'economia sempre in forte difficolta', iniziando da un concreto sostegno fiscale al reddito di chi lavora''.

com-drc/cam/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech