domenica 04 dicembre | 15:45
pubblicato il 02/apr/2013 17:23

Lavoro: Ugl, nonostante calo disoccupazione quadro resta allarmante

(ASCA) - Roma, 2 apr - ''Sebbene i dati Istat rilevino un lieve calo della disoccupazione a febbraio, il quadro resta ancora allarmante perche' la crisi produttiva ed occupazionale nel nostro Paese e' lungi dall'essere superata''. Lo dichiara, in una nota, il segretario confederale dell'Ugl, Paolo Varesi, aggiungendo che ''in particolare, la disoccupazione giovanile resta il vero dramma del mercato del lavoro italiano perche' mentre in America, in Germania e in Francia sono stati incrementati gli investimenti in educazione, universita' e ricerca, in quanto riconosciuti come fattori che producono innovazione e generano occupazione, soprattutto giovanile, attraverso nuovi canali di sviluppo, in Italia sulle stesse voci le risorse pubbliche vengono tagliate in nome della crisi''.

''Occorre un cambiamento radicale nella gestione del bilancio dello Stato - conclude il sindacalista - ma e' necessario anche un processo politico in grado di superare la tendenza ad ''esternalizzare' le responsabilita', altrimenti questi dati non riveleranno mai un'inversione di tendenza, anzi, saranno sempre di piu' i giovani ed i lavoratori qualificati che lasceranno il nostro Paese per trovare occupazione altrove''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari