martedì 17 gennaio | 12:45
pubblicato il 30/gen/2012 20:16

Lavoro/ Ue "recupera" 8 miliardi per i giovani in Italia

Piano europeo da 82mld. Ispettori di Bruxelles verificheranno

Lavoro/ Ue "recupera" 8 miliardi per i giovani in Italia

Bruxelles, 30 gen. (askanews) - I Consiglio europeo ha approvato il Piano europeo di rilancio dell'occupazione proposto dalla Commissione europea, che sarà realizzato utilizzando le dotazioni dei programmi di alcuni fondi europei (Sociale, Regionale e di Coesione) che non sono ancora state spese. Si tratta di 82 miliardi per i Ventisette, 8 tondi per l'Italia. Non sono nuovi fondi, ma è quasi come se lo fossero, perché erano lì fermi senza impiego. Il governo italiano ha fatto sapere di aver già accantonato le somme di sua competenza per concorrere alla realizzazione dei programmi, che però saranno monitorati nella loro elaborazione da esperti inviati da Bruxelles. La Commissione ha deciso di inviare i suoi uomini negli otto Paesi che hanno una disoccupazione giovanile del 30% o superiore, e tra questi ci sono Italia, Spagna, Grecia, Irlanda e Portogallo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Fca
Fca, Berlino: richiamare Jeep Renegade, Fiat 500 e Doblò
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Fca
Fca, Delrio: richieste Germania? A Italia non si danno ordini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Auto, nel 2016 vendite in Europa +6,5% oltre i 15 milioni
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Ciberfisica, al via sviluppo tecnologie per affidabilità sistemi
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Tempesta di neve in Tunisia: migliaia di auto intrappolate