giovedì 08 dicembre | 10:45
pubblicato il 20/feb/2012 05:10

Lavoro/ Totem e tabù nella trattativa; Camusso tira il freno

Al Ministero del Lavoro si stringe su cigs e art.18

Lavoro/ Totem e tabù nella trattativa; Camusso tira il freno

Roma, 20 feb. (askanews) - "L'intesa sul mercato del lavoro a fine marzo? Dire che siamo vicini è un po presto". Ha gettato acqua sul fuoco degli entusiasmi la segretaria della Cgil Susanna Camusso intervistata da Fabio Fazio per "Che tempo che fa", in vista dell'incontro di oggi al Ministero del Lavoro che dovrebbe "stringere" sui temi caldi del superamento della cassa integrazione straordinaria e dell'articolo 18, che prevede il reintegro nel posto di lavoro dei lavoratori licenziati senza giusta causa nelle imprese sopra i 15 dipendenti. Nel frattempo, tutti i protagonisti della trattativa e della politica si sono "posizionati", accentuando i problemi all'interno del Pd. Se il segretario Bersani da Napoli aveva detto che è inutile parlare di articolo 18 - su cui sono possibili solo "piccoli aggiustamenti" - perchè "non ho mai incontrato un imprenditore che non investe per l'articolo 18", ieri in un'intervista a Repubblica l'ex segretario Veltroni gli ha risposto che non bisogna regalare il Governo Monti, che è un Governo riformista, alla destra: per questo, "basta tabù sull'articolo 18". Più facile la posizione del Terzo Polo e del Pdl: sia Casini sia Berlusconi hanno esortato il Governo a procedere rapidamente e l'ex ministro Sacconi ha aggiunto malizioso: anche senza l'accordo di tutti i sindacati. Intanto l'Idv ha presentato una mozione per confermare l'articolo 18. Appaiono divisi anche i sindacati: la Camusso ha confermato che la cassa straordinaria e l'art.18 non si possono toccare e che sarebbe bello poter varare un salario minimo per tutti i disoccupati, ma per ora non ci sono le risorse tanto che bisognerebbe dedicare questo scopo o una nuova patrimoniale o i proventi della lotta all'evasione fiscale. Bonanni della Cisl e Angeletti della Uil sembrano più disponibili a sperimentare formule innovative sull'art.18, come la sua eliminazione per le imprese che stabilizzano i precari o per i nuovi "contratti d'inserimento" triennali a tutele crescenti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Roma
Roma, Antitrust avvia procedimento contro Atac sul servizio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni