domenica 26 febbraio | 09:17
pubblicato il 03/giu/2015 11:21

Lavoro, Squinzi: dati Istat segnale positivo ma serve prudenza

Ce lo aspettavamo, ora però avanti con il programma di riforme

Lavoro, Squinzi: dati Istat segnale positivo ma serve prudenza

Busto Arsizio (VA), 3 giu. (askanews) - "Sicuramente è un segnale positivo poi come al solito ci vuole un po' di prudenza perché tutti questi dati vanno poi confermati su periodi più lunghi". Così il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ha commentato i risultati odierni dell'Istat che hanno evidenziato una ripresa dell'occupazione nel mese di aprile. "Sicuramente però - ha proseguito parlando a margine dell'assemblea annuale dell'Unione industriali della Provincia di Varese- è un segnale positivo, diciamo che ce lo aspettavamo perché in ogni caso direi che la discesa si è arrestata come anche il dato di Pil conferma, visto che dopo 13 trimestri di discesa finalmente abbiamo un trimestre a segno più".

"Il jobs act da solo non fa ripartire il mercato - ha sottolineato tuttavia Squinzi - mercato e produzioni sono impiantate perché mancano i consumi interni. Il problema vero è far ripartire i consumi interni e per farli ripartire - ha concluso - credo che sia ancora più importante portare avanti con decisione il programma delle riforme".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech