giovedì 08 dicembre | 08:55
pubblicato il 21/mar/2012 05:10

Lavoro/ Sindacati divisi su art. 18, Monti: è una partita chiusa

Il premier: parti sociali d'accordo con eccezione Cgil

Lavoro/ Sindacati divisi su art. 18, Monti: è una partita chiusa

Roma, 21 mar. (askanews) - Cambia l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, ma i sindacati sono divisi. Le parti sociali sono tutte d'accordo, ha detto il premier Mario Monti, con l'eccezione della Cgil. Ma "la partita è chiusa". Anche se "nè oggi né giovedì ci sarà un accordo firmato" con le parti sociali: "l'interlocutore è il Parlamento", ha aggiunto il premier nella conferenza stampa al termine del vertice di ieri. Nella proposta che verrà presentata alle camere, non è ancora deciso se sotto forma di decreto o di legge delega, le modifiche all'articolo 18 varranno per "tutti i lavoratori" e non solo per i nuovi assunti. Il reintegro è previsto solo per i licenziamenti discriminatori, per quelli disciplinari deciderà il giudice tra reintegro o indennizzo mentre, per quelli per motivi economici, è previsto solo l'indennizzo, ha spiegato il ministro del Welfare, Elsa Fornero. Giovedì ci sarà un nuovo round, e quello sarà l'incontro conclusivo. Il Governo, ha spiegato il premier, presenterà i testi definitivi e si redigerà il verbale contenente i giudizi delle parti sociali. "L'accertamento che abbiamo voluto condurre con scrupolo ci ha portato a concludere che tutte le parti sociali consentono all'articolo 18 nella formulazione nuova, a eccezione della Cgil, che ha manifestato una posizione negativa", ha detto Monti. E sempre sull'articolo 18, nei casi di licenziamento per motivi disciplinari, ha illustrato Fornero, è il giudice a decidere tra il reintegro "nei casi gravi" o l'indennizzo. Quest'ultimo potrà essere erogato fino a un massimo di 27 mensilità tenendo conto dell'anzianità del lavoratore. Per i licenziamenti per motivi economici è invece previsto solo un risarcimento che potrà essere da un minimo di 15 mensilità fino a un massimo di 27 dell'ultima retribuzione. "Vogliamo che diventi dominante, cioè migliore rispetto ad altri, il contratto subordinato a tempo indeterminato", ha sottolineato poi Fornero. " il contratto che vogliamo prendere come riferimento per gli altri contratti, flessibili, vicini al lavoro autonomo, vogliamo tenere la flessibilità buona e cercare di contrastare, anche duramente, ciò che porta al precariato e che noi chiamiamo flessibilità cattiva". Per quanto riguarda i contratti a termine (esclusi i sostitutivi e stagionali), il ministro ha annunciato un'aliquota addizionale dell'1,4%, per finanziare la nuova cosiddetta assicurazione sociale per l'impiego, l'Aspi. "Vincoli stringenti ed efficaci", ha proseguito Fornero, saranno posti "sui contratti intermittenti e su quelli a progetto" mentre, per le partite Iva, è prevista "l'introduzione di criteri di lavoro subordinato dopo sei mesi se la prestazione di lavoro è presso un committente".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
I 5 requisiti necessari a un eventuale "salva banche" con l'Esm
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
L.Bilancio
L.Bilancio: Senato approva fiducia con 173 sì
Roma
Roma, Antitrust avvia procedimento contro Atac sul servizio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni