martedì 21 febbraio | 13:41
pubblicato il 22/giu/2013 13:28

Lavoro: sindacati a Letta, non c'e' piu' tempo. Basta promesse e annunci

Lavoro: sindacati a Letta, non c'e' piu' tempo. Basta promesse e annunci

(ASCA) - Roma, 22 giu - ''Non e' piu' il tempo di aspettare, non e' piu' il tempo di promesse e annunci. Il tempo e' finito''. E' il monito lanciato al governo Letta dai leader dei tre principali sindacati italiani, Cgil, Cisl e UIl, tornati oggi in piazza a Roma, dopo circa 10 anni, per la manifestazione nazionale unitaria sul tema 'Lavoro e' democrazia'. Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti hanno parlato a circa 100 mila lavoratori, radunati stamane a piazza San Giovanni al termine di due lunghi cortei partiti da Piazza della Repubblica e da Piazzale dei Partigiani. CRISI PROFONDA. ''Bisogna decidere, fare subito e fare le cose giuste. Abbiamo indicato che c'erano delle emergenze, vorremmo capire da questo Governo perche' non si firmano i decreti, come nel caso della Cig, e non arrivano le risorse. Le cose che avete fatto traducetele concretamente'', ha ammonito, nel corso del suo intervento, il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, secondo cui ''servono risposte rapide per uscire dalla crisi''. ''Una prima - ha spiegato la sindacalista - potrebbe essere la restituzione fiscale a pensionati e lavoratori dipendenti per fare ripartire i consumi. Non bastano solo gli annunci, perche' la crisi e' profonda''. ALLARME DISOCCUPATI. ''Se qualcuno stacchera' la spina a questo Governo saranno i cortei di disoccupati e cassaintegrati di questo paese. Di questo il governo dovrebbe preoccuparsi'', ha avvertito, dal canto suo, il numero uno della Uil, Luigi Angeletti. ''LETTA ABBIA CORAGGIO''. Un monito seguito dall'appello lanciato dal segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, secondo cui ''l'unica cosa che si sa fare in Italia e' mettere in evidenza le proprie bandierine e non guardare l'interesse generale del Paese. Il governo abbia coraggio. Letta - ha ribadito Bonanni - deve avere coraggio''. ZANONATO: ''STO CON I LAVORATORI''. ''Tutte le manifestazioni che vedono i lavoratori uniti per difendere le loro condizioni di vita e contemporaneamente per promuovere lo sviluppo del Paese mi portano a simpatizzare per il sindacato'', ha dichiarato il ministro per lo Sviluppo economico, Flavio Zanonato, parlando da Treviso e commentando la manifestazione di Cgil, Cisl e Uil a Roma. ''Bisogna vedere caso per caso - ha poi aggiunto - distinguere una situazione dall'altra ma sto comunque istintivamente dalla parte dei lavoratori e dei loro sindacati''. rba/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia