domenica 22 gennaio | 23:34
pubblicato il 22/mag/2013 18:15

Lavoro: Sbarra (Cisl), occupazione non si crea modificando le regole

(ASCA) - Roma, 22 mag - ''Al quinto anno di crisi e' illusorio pensare che modificare le regole della legislazione lavoristica possa assumere un peso decisivo nel creare occupazione. Quel che serve sono politiche per la crescita, a partire dalla redistribuzione del carico fiscale a favore del lavoro e delle imprese, dallo sblocco di opere infrastrutturali per 15 miliardi, dalla richiesta all'Ue di sganciare dalla contabilizzazione del deficit tutte le spese finalizzate a investimenti in infrastrutture, occupazione, politiche attive''. Lo sostiene in una nota il Segretario confederale Cisl, Luigi Sbarra, al temine dell'incontro di oggi col ministro del Lavoro, Enrico Giovannini.

''In questo quadro, la priorita' assoluta e' affrontare le due grandi emergenze sociali, esodati e ammortizzatori in deroga, per le quali, pur apprezzando le prime dichiarazione del Governo e, per quanto riguarda gli ammortizzatori, i primi stanziamenti, sappiamo bene tutti che siamo assai lontani dall'aver risolto i problemi, che rischiano di diventare drammatici.Per quanto riguarda gli incentivi all'occupazione - sottolinea Sbarra - , essi devono essere ben mirati, tanto piu' nella attuale situazione del bilancio pubblico. La Cisl chiede dunque di concentrarli sulla staffetta generazionale, per incentivare una uscita graduale dal lavoro per chi e' vicino alla pensione, con i contributi persi a carico dello stato e la contestuale assunzione di giovani; sul ripristino dello sgravio contributivo totale per l'assunzione di apprendisti anche per le imprese con oltre 9 addetti; su uno sgravio contributivo specifico per favorire la trasformazione di contratti non standard in rapporti di lavoro stabili''.

''Infine, per quanto riguarda le correzioni alla riforma Fornero - dice Sbarra - siamo contrari a modifiche di impianto. Essa va semmai urgentemente completata attuando la parte relativa alla delega sui servizi per l'impiego e mettendo contestualmente in atto un programma straordinario di ricollocazione per i lavoratori in cassa integrazione e mobilita' verso mestieri e professioni di cui c'e' richiesta, a partire da quelle artigiane e nel campo dei servizi alle persone. Sulle tipologie contrattuali, le questioni poste da qualcuno, come quella degli intervalli tra due contratti a termine e le misure di semplificazione dell'apprendistato possono agevolmente essere risolte dalla contrattazione aziendale, come la stessa legge gia' prevede''.

com/rf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4