domenica 11 dicembre | 09:30
pubblicato il 25/set/2014 17:53

Lavoro, Sbarra (Cisl): misure Bce non stanno funzionando

(ASCA) - Roma, 25 set 2014 - "Finalmente anche la BCE ha preso atto che nella strisciante deflazione dell'area europea pesano la disoccupazione elevata e le dimensioni della capacita' produttiva inutilizzata. In questa situazione di grande incertezza sul futuro non stanno funzionando i provvedimenti "non convenzionali" adottati dalla BCE, che sta offrendo alle banche denaro quasi a costo zero con l'impegno di erogarlo alle imprese". Il Segretario Confederale della Cisl, Luigi Sbarra commenta in una nota le dichiarazioni di Draghi all'Euro Conference di Vilnius.

"Una politica monetaria europea piu' espansiva arriva in ritardo di anni e da sola sta mostrando seri limiti di rilancio della crescita. Le politiche di austerita' nella gestione dei conti pubblici imposte a paesi come il nostro, hanno ormai contagiato in profondita' anche i paesi forti dell'Unione Europea, con il risultato di scoraggiare anche gli investimenti privati e la domanda di credito - sottolinea - solo una politica europea comune, espansiva dal lato degli investimenti puo' consentire di equilibrare crescita e rigore nei conti pubblici, in una prospettiva di medio periodo. La prima misura strutturale "non convenzionale", quella piu' urgente per far ripartire la crescita in Europa e' di riattivare la domanda europea, avviando in tempi molto rapidi un programma d'investimenti infrastrutturali, finanziato da eurobond, almeno nella misura dei 300 miliardi di euro indicati da Juncker, presidente della Commissione Europea. La seconda misura, in questa congiuntura debole, e' di consentire alle politiche di rigore nei conti pubblici tutti i margini di flessibilita' necessari per politiche d'investimento nazionali e la gestione delle crisi occupazionali. Insistere in politiche fatte solo di tagli alla spesa avrebbero il risultato di riprodurre incubi sociali e sofferenze che durano ormai da troppo tempo".

"Questo vale anche e sopratutto per il nostro paese - conclude Sbarra - dove la politica e il governo nazionale alle prese con i fuochi pirotecnici sull' art. 18 trascurano i temi collegati agli interventi a favore della crescita economica e all'occupazione che passano inevitabilmente da una riduzione choc e forte del carico fiscale sui lavoratori , famiglie e imprese ; dal rilancio degli investimenti pubblici e privati ; da una nuova politica industriale a sostegno dei settori e dei territori ; da un utilizzo qualificato e ottimale dei fondi comunitari specie per le aree del mezzogiorno".

Did

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina