venerdì 20 gennaio | 14:46
pubblicato il 27/apr/2014 11:42

Lavoro: Poletti, su 'Garanzia giovani' nessun conflitto con Regioni

Lavoro: Poletti, su 'Garanzia giovani' nessun conflitto con Regioni

(ASCA) - Roma, 27 apr 2014 - ''L'articolo 'Lavoro, c'e' il piano giovani; ma le Regioni non firmano', pubblicato sul Corriere della Sera di oggi, riporta in modo parziale e distorto, con l'effetto di stravolgerli, i contenuti di un colloquio con il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, relativo all'avvio, il 1* maggio, del Piano Nazionale Garanzia Giovani''.

Lo scrive in una nota l'ufficio stampa del ministero del Lavoro, precisando che riferendosi ''in particolare, al rapporto con le Regioni, alle quali spetta la gestione della quasi totalita' delle risorse disponibili (1.413 milioni su 1.513). Innanzitutto - si precisa - il titolo del pezzo, con un'evidente forzatura di alcune affermazioni del Ministro, peraltro incomplete, riportate nel testo, accredita un presunto contrasto con le Regioni nell'attuazione del Piano che nella realta' non esiste''.

Il comunicato sottolinea, infatti, che ''il lavoro di programmazione che ha avuto luogo nei mesi scorsi si e' svolto in un clima di leale collaborazione, pur nella comprensibile dialettica che sempre accompagna il confronto tra ruoli diversi. E' stato, a giudizio del Ministro, un lavoro proficuo, che ha consentito di introdurre nella tematica dei servizi per il lavoro numerosi elementi di novita', in un quadro di rafforzata collaborazione''.

Quanto alle convenzioni, che costituiscono lo strumento amministrativo per regolare i rapporti tra ministero del Lavoro (titolare del Programma) e Regioni (che del Programma saranno i soggetti attuatori), ''ad oggi sono state firmate quelle con le regioni Emilia-Romagna, Valle d'Aosta e Sardegna, mentre sono gia' pervenute quelle di Toscana e Veneto, che saranno firmate nei prossimi giorni''.

Inoltre, ''l'articolo fornisce informazioni confuse e scorrette circa l'ambito di applicazione della Garanzia Giovani, indicando come potenziali interessati i giovani tra i 24 (ed in certi passaggi 25) ed i 29 anni. In realta' - prosegue l'ufficio stampa del Dicastero - il Piano si rivolge ai cosiddetti Neet (giovani che non studiano, non lavorano, non sono coinvolti in attivita' di formazione) tra i 15 ed i 29 anni, con un'attenzione particolare agli 'under 25', allo scopo di garantire un'offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio o altra misura di formazione'', conclude il comunicato.

com-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"