giovedì 08 dicembre | 17:34
pubblicato il 27/apr/2014 11:42

Lavoro: Poletti, su 'Garanzia giovani' nessun conflitto con Regioni

Lavoro: Poletti, su 'Garanzia giovani' nessun conflitto con Regioni

(ASCA) - Roma, 27 apr 2014 - ''L'articolo 'Lavoro, c'e' il piano giovani; ma le Regioni non firmano', pubblicato sul Corriere della Sera di oggi, riporta in modo parziale e distorto, con l'effetto di stravolgerli, i contenuti di un colloquio con il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Giuliano Poletti, relativo all'avvio, il 1* maggio, del Piano Nazionale Garanzia Giovani''.

Lo scrive in una nota l'ufficio stampa del ministero del Lavoro, precisando che riferendosi ''in particolare, al rapporto con le Regioni, alle quali spetta la gestione della quasi totalita' delle risorse disponibili (1.413 milioni su 1.513). Innanzitutto - si precisa - il titolo del pezzo, con un'evidente forzatura di alcune affermazioni del Ministro, peraltro incomplete, riportate nel testo, accredita un presunto contrasto con le Regioni nell'attuazione del Piano che nella realta' non esiste''.

Il comunicato sottolinea, infatti, che ''il lavoro di programmazione che ha avuto luogo nei mesi scorsi si e' svolto in un clima di leale collaborazione, pur nella comprensibile dialettica che sempre accompagna il confronto tra ruoli diversi. E' stato, a giudizio del Ministro, un lavoro proficuo, che ha consentito di introdurre nella tematica dei servizi per il lavoro numerosi elementi di novita', in un quadro di rafforzata collaborazione''.

Quanto alle convenzioni, che costituiscono lo strumento amministrativo per regolare i rapporti tra ministero del Lavoro (titolare del Programma) e Regioni (che del Programma saranno i soggetti attuatori), ''ad oggi sono state firmate quelle con le regioni Emilia-Romagna, Valle d'Aosta e Sardegna, mentre sono gia' pervenute quelle di Toscana e Veneto, che saranno firmate nei prossimi giorni''.

Inoltre, ''l'articolo fornisce informazioni confuse e scorrette circa l'ambito di applicazione della Garanzia Giovani, indicando come potenziali interessati i giovani tra i 24 (ed in certi passaggi 25) ed i 29 anni. In realta' - prosegue l'ufficio stampa del Dicastero - il Piano si rivolge ai cosiddetti Neet (giovani che non studiano, non lavorano, non sono coinvolti in attivita' di formazione) tra i 15 ed i 29 anni, con un'attenzione particolare agli 'under 25', allo scopo di garantire un'offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato o tirocinio o altra misura di formazione'', conclude il comunicato.

com-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni