domenica 22 gennaio | 09:11
pubblicato il 10/apr/2014 11:57

Lavoro: Poletti, caso Agrati e' bruttissimo e inaccettabile

(ASCA) - Torino, 10 apr 2014 - Bruttissimo, incredibile e innaccettabile. Usa questi tre termini il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, per definire la vicenda, che appare ormai senza sbocchi, della Agrati di Collegno nel torinese.

Un'azienda con i conti a posto che improvvisamente ha deciso di chiudere lo stabilimento lasciando a casa 82 dipendenti.

''Agrati e' una cosa bruttissima, e' incredibile, un'azienda che va bene e che decide di chiudere dalla sera alla mattina e' poco spiegabile - ha commentato il ministro a margine della manifestazione 'Io lavoro' a Torino -. Abbiamo fatto un intervento assieme al Ministero dello Sviluppo economico, abbiamo cercato soluzioni ma ci siamo trovati davanti a un muro. Hanno detto di no a qualsiasi proposta. E' un comportamento sbagliato e inaccettabile - ha aggiunto il ministro - ma non possiamo imporre nulla perche' lo Stato non puo' impedirgli di chiudere''. I licenziamenti dovrebbero scattare entro la prossima settimana. eg/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4