sabato 10 dicembre | 06:16
pubblicato il 10/apr/2014 11:57

Lavoro: Poletti, caso Agrati e' bruttissimo e inaccettabile

(ASCA) - Torino, 10 apr 2014 - Bruttissimo, incredibile e innaccettabile. Usa questi tre termini il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, per definire la vicenda, che appare ormai senza sbocchi, della Agrati di Collegno nel torinese.

Un'azienda con i conti a posto che improvvisamente ha deciso di chiudere lo stabilimento lasciando a casa 82 dipendenti.

''Agrati e' una cosa bruttissima, e' incredibile, un'azienda che va bene e che decide di chiudere dalla sera alla mattina e' poco spiegabile - ha commentato il ministro a margine della manifestazione 'Io lavoro' a Torino -. Abbiamo fatto un intervento assieme al Ministero dello Sviluppo economico, abbiamo cercato soluzioni ma ci siamo trovati davanti a un muro. Hanno detto di no a qualsiasi proposta. E' un comportamento sbagliato e inaccettabile - ha aggiunto il ministro - ma non possiamo imporre nulla perche' lo Stato non puo' impedirgli di chiudere''. I licenziamenti dovrebbero scattare entro la prossima settimana. eg/sam/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina