domenica 26 febbraio | 02:23
pubblicato il 11/gen/2012 15:13

Lavoro/ Marcegaglia: Reintegro è anomalia italiana in Ue

Non vogliamo affrontare tema dal punto di vista ideologico

Lavoro/ Marcegaglia: Reintegro è anomalia italiana in Ue

Roma, 11 gen. (askanews) - Il reintegro previsto dall'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori è un'anomalia del sistema italiano. "Il reintegro esiste formalmente anche in qualche altro paese europeo ma sostanzialmente non viene usato", ha detto il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, anticipando i dati che porterà all'incontro con il ministro del Lavoro, Elsa Fornero. Dati che emergono da un confronto con gli altri paesi europei. Al termine del direttivo degli industriali, che ha visto un'ampia partecipazione, il presidente di Confindustria ha comunque sottolineato che "l'articolo 18 è un tema molto ideologico e noi non vogliamo affrontare il tema dal punto di vista ideologico. Vogliamo solo portare un confronto tra l'Italia e gli altri paesi europei". Nel capitolo 'flessibilità in uscita' in Italia si evidenziano "anomalie" proprio rispetto agli altri paesi dell'Europa, ha detto. Infatti "il reintegro - ha ribadito - non è sostanzialmente utilizzato". E ha citato il caso della Francia dove il reintegro viene usato "solo per i licenziamenti discriminatori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech