sabato 10 dicembre | 20:26
pubblicato il 10/mar/2012 18:09

Lavoro/ Lunedì nuovo round,Cgil:rischio tensioni su licenziamenti

Bonanni: no a dare la stura a chi le minaccia

Lavoro/ Lunedì nuovo round,Cgil:rischio tensioni su licenziamenti

Roma, 10 mar. (askanews) - Toni accesi tra i leader sindacali alla vigilia del nuovo round con il governo sulla riforma del mercato del lavoro. Lunedì Susanna Camusso, Raffaele Bonanni, Luigi Angeletti e Centrella Ugl torneranno al ministero del Welfare per incontrare Elsa Fornero dopo oltre una settimana di 'pausa': la trattativa riparte dopo la battuta d'arresto voluta dall'esecutivo per l'esigenza di fare una verifica sulle risorse per i nuovi ammortizzatori, uno dei nodi principali di cui si discuterà lunedì. Tuttavia la Cgil è tornata a mettere in guardia il governo: il 'convitato di pietra' delle regole sui licenziamenti facili deve rimanere fuori dal tavolo altrimenti "bisogna immaginarsi una tensione sociale di lungo periodo, che non è nell'interesse del paese", ha ammonito da New York Susanna Camusso. Immediata la replica a distanza del leader della Cisl, Raffaele Bonanni: il governo punti a un accordo "innovativo ed equilibrato" per non dare "alibi a chi minaccia tensioni sociali" ha scritto il segretario su Twitter. Le parole della Camusso sono arrivate all'indomani della manifestazione nazionale della Fiom a Roma che ha minacciato di arrivare a uno sciopero generale "se già a partire dal tavolo della prossima settimana non ci saranno risposte sull'estensione dei diritti" e soprattutto se dovesse essere toccato l'articolo 18. E proprio sul rischio tensioni sociali ha posto l'accento il numero uno della Cgil: "Il Governo sa bene - ha ammonito - perché lo abbiamo detto in tutte le salse, che se la via che si intende seguire è quella dei licenziamenti facili, questo non è per noi né possibile né ragionevole", ribadendo che il rischio è quello di andare incontro a tensioni di lungo che danneggerebbero il Paese. Per il segretario della Cgil "in questo momento la priorità è l'esigenza di sapere quale sistema di ammortizzatori il Governo ha in mente, quante risorse intende destinarvi e come intende attuarlo". Sul mercato del lavoro per la Camusso "non bisogna ripetere le modalità riscontrate sul tema delle pensioni, modalità che non abbiamo condiviso". Parole che non sono andate giù a Raffaele Bonanni: "Spero che il governo voglia un accordo innovativo ed equilibrato e non dia la stura a chi rincorre tensioni sociali e si barrica nel no", ha detto il segretario. No dunque a fornire "alibi a chi minaccia tensioni sociali". Più cauto il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, che ha invitato a guardare alla trattativa così come suggerito dal presidente della Repubblica: "La trattativa avrà un buon esito se tutti accetteranno soluzioni razionali: le tutele si diffondono stanziando le risorse necessarie; i diritti diventano certi riducendo i margini interpretativi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina