domenica 04 dicembre | 03:28
pubblicato il 11/ago/2014 20:21

Lavoro, Landini: abolire articolo 18 sarebbe errore gravissimo

"Il governo non segua i cattivi consigli di Alfano" (ASCA) - Roma, 11 ago 2014 - Abolire l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori "sarebbe un errore gravissimo". Lo ha sottolineato il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, dopo la proposta del ministro dell'Interno, Angelino Alfano. L'articolo 18, secondo Landini, "e' l'ultimo dei problemi dell'Italia. Tra l'altro e' gia' stato modificato e non ha creato nessun posto di lavoro, anzi ci sono stati piu' licenziamenti per motivi economici". "Se il governo - ha detto Landini ai microfoni di Sky Tg24 Hd - vuole creare lavoro, deve mettere a punto dei piani straordinari di investimento, una politica industriale degna di questo nome.

Se hanno in mente di seguire un'altra strada o i cattivi consigli di Alfano, debbono sapere che e' un modo per gettare benzina sul fuoco in un Paese che e' gia' sull'orlo di una situazione di tenuta sociale molto difficile". "Noi abbiamo intenzione di mobilitare i lavoratori - ha aggiunto il leader dei metalmeccanici Cgil - perche' vogliamo chiedere al governo di fare davvero dei cambiamenti di politica industriale e di aprire una discussione vera con l'Europa: ci sono una serie di vincoli europei che vanno cambiati".

Glv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari