lunedì 27 febbraio | 17:35
pubblicato il 26/apr/2012 05:01

Lavoro/ Italia scende ancora in classifica Ocse salari: 23esima

Mentre sale, a sesto posto, per pressione fisco sul lavoro

Lavoro/ Italia scende ancora in classifica Ocse salari: 23esima

Roma, 26 apr. (askanews) - L'Italia scivola ulteriormente nella classifica Ocse dei salari e si piazza 23esima, dietro anche alla Spagna e comunque nella parte decisamente bassa della lista dei 34 Paesi membri dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici. Lo scorso anno era al 22esimo posto. Il rapporto 'Taxing wages' ha registrato invece un'ascesa nella classifica della pressione fiscale sul lavoro. A questa voce l'Italia figura sesta, a causa dell'aumento del peso del disco sui salari al 47,6% nel 2011, a fronte di una media europea del 41,5%. Un single italiano senza figli a carico lo scorso anno in Italia ha avuto un salario netto in media di 25.160 dollari (circa 19.150 euro). In Spagna avrebbe percepito 27.741 dollari (21.110 euro) e di più in tutti gli altri grandi Paesi dell'Unione europea.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech