sabato 21 gennaio | 05:40
pubblicato il 21/nov/2012 16:49

Lavoro/ Italia esclude donne, Burundi e Mozambico meglio di noi

Gender Gap report:Siamo a 101esimo posto su 135

Lavoro/ Italia esclude donne, Burundi e Mozambico meglio di noi

Roma, 21 nov. (askanews) - Italia maglia nera per la partecipazione delle donne all'economia e per le opportunità a loro riservate. Il nostro Paese è scivolato, nella classifica stilata dal rapporto Global Gender Gap 2012 del World Economic Forum, al 101esimo posto su 135, a distanza macroscopica da paesi come il Burundi, il Mozambico, l'Uruguay e la Thailandia, solo per citarne alcuni. E peggio di noi hanno fatto solo Cile, Messico, Bangladesh e pochi altri paesi. Un quadro che risulta in buona parte confermato, seppure con alcuni segnali positivi, dalla fotografia sul lavoro delle donne in Italia scattata in occasione del convegno promosso dal Centro studi Progetto Donna in collaborazione con Abbott dal titolo "Donne al lavoro tre mosse vincenti. Pari opportunità, conciliazione dei tempi, nuovi modelli organizzativi". Dai dati illustrati Antonietta Mundo dell'Inps, sul lavoro delle donne in Italia, emerge che solo un terzo della popolazione femminile fa parte della forza lavoro, mentre degli uomini ne fa parte la metà. Eppure qualcosa sta cambiando: si osserva un incremento tendenziale dello 0,4% nell'occupazione femminile e nel contempo diminuisce lievemente l'occupazione maschile, tuttavia va sottolineato che l'82% dei lavoratori a tempo parziale è rappresentato da donne. Il rapporto Global Gender Gap 2012 punta il dito sul nostro Paese in particolare riguardo alla differenza di salario percepito da uomini e donne in Italia. I dati Inps, infatti, registrano per lavoratori dipendenti del settore privato una retribuzione annua media di 21.678 euro lordi per le donne rispetto ai 30.246 euro per gli uomini. Il lavoro femminile appare concentrato nelle posizioni basse e intermedie, le donne sono il 57% degli impiegati e la rappresentanza femminile diminuisce nelle posizioni più elevate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4