lunedì 27 febbraio | 17:51
pubblicato il 28/lug/2011 10:31

Lavoro/ Istat: Retribuzioni ferme a giugno, +1,8% su anno

E' cresciuta di più l'inflazione

Lavoro/ Istat: Retribuzioni ferme a giugno, +1,8% su anno

Roma, 28 lug. (askanews) - Nel mese di giugno l'indice delle retribuzioni contrattuali orarie presenta un incremento dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell'1,8% rispetto a giugno 2010. Nella media del periodo gennaio-giugno 2011 l'indice è cresciuto dell'1,9% rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente. Lo rileva l'Istat, che ricorda che il tasso d'inflazione a giugno è stato pari al 2,7% e quindi il rialzo tendenziale delle retribuzioni è stato inferiore a quello dei prezzi al consumo. I settori che a giugno presentano gli incrementi maggiori rispetto a un anno prima sono: militari-difesa (4%), forze dell'ordine (3,7%) e attività dei vigili del fuoco (3,4%). Gli aumenti più contenuti riguardano servizi d'informazione e comunicazione, ministeri, scuola, regioni e autonomie locali, servizio sanitario nazionale (+0,3% in tutti i casi).

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech