lunedì 16 gennaio | 16:40
pubblicato il 11/apr/2013 11:13

Lavoro: Istat, nel 2012 cresce numero 'inattivi'...(1 update)

(ASCA) - Roma, 11 apr - Cresce il numero di persone senza lavoro in cerca di occupazione in Italia. Nel 2012 - secondo gli indicatori complementari al tasso di disoccupazione diffusi dall'Istat - gli inattivi disponibili a lavorare sono 2 milioni 975 mila, 78 mila in piu' (pari a +2,7%) rispetto al 2011. La quota di questi inattivi sulle forze di lavoro, stabile all'11,6% in confronto a un anno prima, e' oltre tre volte superiore a quella media europea (3,6%).

In Italia, gli inattivi disponibili a lavorare sono piu' numerosi dei disoccupati in senso stretto (quasi tre milioni contro circa 2 milioni 700 mila), mentre nella media europea si verifica l'opposto: i disoccupati (circa 25 milioni) sono piu' del doppio di questo segmento di inattivi (8 milioni e 800 mila). All'interno di questo gruppo di inattivi gli scoraggiati, cioe' quelli che dichiarano di non aver cercato lavoro perche' convinti di non trovarlo, sono 1 milione 300 mila, il 43% del totale.

Per quanto riguarda gli inattivi che cercano lavoro, ma non sono subito disponibili a lavorare, nel 2012 questo gruppo conta 111 mila individui, 7 mila in meno rispetto a un anno prima (-6,1%). Essi rappresentano lo 0,4% delle forze di lavoro in Italia e lo 0,9% nell'Unione Europea. La somma degli inattivi disponibili a lavorare e degli inattivi che cercano ma non disponibili rappresenta le cosiddette ''forze di lavoro potenziali'' che, nel 2012 ammontano a 3 milioni 86 mila.

Sommando le forze di lavoro potenziali ai disoccupati si ha la misura delle persone potenzialmente impiegabili nel processo produttivo: si tratta di 5 milioni 831 mila persone nel 2012. Negli ultimi cinque anni alla contestuale crescita delle persone in cerca di occupazione (da 1 milione 506 mila del 2007 a 2 milioni 744 mila del 2012), si accompagna l'aumento delle forze lavoro potenziali (+403 mila unita').

Considerando i sottoccupati part time, sempre nel 2012, sono 605 mila, 154 mila in piu' rispetto al 2011 (+34,1%): essi rappresentano il 2,4% delle forze di lavoro.

Nell'Unione Europea l'incidenza e' pari al 3,8%. In confronto a cinque anni prima, i sottoccupati part time aumentano di 241 mila unita' (+66,1%, rispetto ai 364 mila del 2007).

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Calenda: no a nuova rinazionalizzazione
Fca
Fca, Calenda: Berlino si occupi di Volkswagen
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Kawasaki al Motor Bike Expo di Verona dal 20 al 22 gennaio
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, mobilità sempre più ecosostenibile DriveNow