venerdì 09 dicembre | 05:13
pubblicato il 11/apr/2013 11:32

Lavoro: Istat, cresce il numero degli inattivi. Quasi 3 mln nel 2012

Lavoro: Istat, cresce il numero degli inattivi. Quasi 3 mln nel 2012

(ASCA) - Roma, 11 apr - Cresce il numero di persone senza lavoro in cerca di occupazione in Italia. Nel 2012 - secondo gli indicatori complementari al tasso di disoccupazione diffusi dall'Istat - gli inattivi disponibili a lavorare sono 2 milioni 975 mila, 78 mila in piu' (pari a +2,7%) rispetto al 2011. La quota di questi inattivi sulle forze di lavoro, stabile all'11,6% in confronto a un anno prima, e' oltre tre volte superiore a quella media europea (3,6%).

In Italia, gli inattivi disponibili a lavorare sono piu' numerosi dei disoccupati in senso stretto (quasi tre milioni contro circa 2 milioni 700 mila), mentre nella media europea si verifica l'opposto: i disoccupati (circa 25 milioni) sono piu' del doppio di questo segmento di inattivi (8 milioni e 800 mila). All'interno di questo gruppo di inattivi gli scoraggiati, cioe' quelli che dichiarano di non aver cercato lavoro perche' convinti di non trovarlo, sono 1 milione 300 mila, il 43% del totale.

Per quanto riguarda gli inattivi che cercano lavoro, ma non sono subito disponibili a lavorare, nel 2012 questo gruppo conta 111 mila individui, 7 mila in meno rispetto a un anno prima (-6,1%). Essi rappresentano lo 0,4% delle forze di lavoro in Italia e lo 0,9% nell'Unione Europea. La somma degli inattivi disponibili a lavorare e degli inattivi che cercano ma non disponibili rappresenta le cosiddette ''forze di lavoro potenziali'' che, nel 2012 ammontano a 3 milioni 86 mila.

Sommando le forze di lavoro potenziali ai disoccupati si ha la misura delle persone potenzialmente impiegabili nel processo produttivo: si tratta di 5 milioni 831 mila persone nel 2012. Negli ultimi cinque anni alla contestuale crescita delle persone in cerca di occupazione (da 1 milione 506 mila del 2007 a 2 milioni 744 mila del 2012), si accompagna l'aumento delle forze lavoro potenziali (+403 mila unita').

Considerando i sottoccupati part time, sempre nel 2012, sono 605 mila, 154 mila in piu' rispetto al 2011 (+34,1%): essi rappresentano il 2,4% delle forze di lavoro.

Nell'Unione Europea l'incidenza e' pari al 3,8%. In confronto a cinque anni prima, i sottoccupati part time aumentano di 241 mila unita' (+66,1%, rispetto ai 364 mila del 2007).

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni