sabato 03 dicembre | 16:39
pubblicato il 25/ott/2012 10:18

Lavoro/ Istat: 3,8 milioni dipendenti attendono rinnovo contratto

In media l'attesa supera i 33 mesi

Lavoro/ Istat: 3,8 milioni dipendenti attendono rinnovo contratto

Roma, 25 ott. (askanews) - A settembre non si sono registrati né scadenze di contratti né rinnovi. Pertanto, risultano in vigore 44 contratti, che regolano il trattamento economico di 9,3 milioni di dipendenti. A questo corrisponde il 67,5% del monte retributivo complessivo. Nel settore privato l'incidenza è pari al 92,1% con quote differenziate per attività economica: la copertura è pari al 98,8% nell'industria, al 93,5% nel settore agricolo e all'85,2% nei servizi privati. Complessivamente, i contratti in attesa di rinnovo sono 34, di cui 16 appartenenti alla pubblica amministrazione, relativi a circa 3,8 milioni di dipendenti (circa 3 milioni nel pubblico impiego). E' quanto rileva l'Istat. A fine settembre la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 29% nel totale dell'economia e del 7,6% nel settore privato. L'attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è, in media, di 33,1 mesi per l'insieme degli occupati e di 33,4 mesi per il settore privato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari