domenica 04 dicembre | 09:26
pubblicato il 12/set/2013 12:32

Lavoro: Istat, 1* trim tasso posti vacanti scende a 0,5%

(ASCA) - Roma, 12 set - Nel primo trimestre 2013 il tasso di posti vacanti nel totale dei settori dell'industria e dei servizi e' pari allo 0,5%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al primo trimestre del 2012. Lo comunica l'Istat. Il tasso di posti vacanti misura la quota di tutti i posti di lavoro dipendente per qualifiche non dirigenziali, occupati e vacanti, per i quali e' in corso una ricerca di personale.

Il tasso di posti vacanti e' pari allo 0,4% nell'industria e allo 0,6% nei servizi, in calo rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente di 0,2 punti percentuali in entrambi i settori.All'interno dell'industria il tasso di posti vacanti segna una diminuzione tendenziale di 0,1 punti percentuali nelle attivita' manifatturiere e di 0,4 punti percentuali nelle costruzioni.

Nel terziario, rispetto al primo trimestre del 2012, si registra una variazione positiva solo nei servizi di alloggio e ristorazione (+0,4 punti percentuali). Nelle attivita' finanziarie e assicurative e negli altri servizi il tasso di posti vacanti rimane invariato. In tutti gli altri settori si osservano variazioni negative, con un calo piu' ampio nel commercio e riparazione (-0,5 punti percentuali).

com/men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari