sabato 21 gennaio | 18:31
pubblicato il 03/feb/2012 05:10

Lavoro/ Governo, riforma con o senza accordo. Resta nodo art.18

Parti più vicine su flessibilità in entrata, apertura su Cig

Lavoro/ Governo, riforma con o senza accordo. Resta nodo art.18

Roma, 3 feb. (askanews) - Il Governo accelera sulla riforma del mercato del lavoro. Fissa le linee guida in quattro punti e avverte le parti sociali: si andrà avanti in modo spedito con o senza un accordo condiviso da tutti. Il prossimo round a Palazzo Chigi si svolgerà entro una decina di giorni con l'obiettivo di presentare in consiglio dei ministri il pacchetto complessivo in due-tre settimane. Il dialogo tra esecutivo, sindacati e imprese non si ferma. Il ministro del Welfare, Elsa Fornero, non vuole però andare troppo per le lunghe. Tempi e risorse sono i vincoli sul tavolo, anche se il 'tecnico' di Torino preferisce parlare di "gruppi di lavoro con modalità flessibili" piuttosto che di tavoli di confronto. Il metodo, che era stato uno dei motivi di tensione con i sindacati nella prima tornata di incontri, questa volta viene apprezzato. Ancora di più il passo indietro sostanziale sulla cassa integrazione, che non sarà toccata così come chiesto da Cgil, Cisl, Uil e Ugl. La recessione morde e il rischio di aumentare la disoccupazione, senza i necessari ammortizzatori e il sostegno ai redditi, è dietro l'angolo. Un avvicinamento tra le parti si è registrato anche sulla flessibilità in entrata. Il Governo ha riconosciuto che deve costare di più alle imprese, per evitare possibili abusi che approdano quasi sempre alla precarietà. Il vero scoglio da superare resta l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Dopo le parole del premier Mario Monti, che hanno scontentato sia le confederazioni sindacali che i partiti del centrosinistra, Fornero ha proposto lo stop al reintegro dei lavoratori nei casi di crisi aziendale per motivi economici, sostituendolo con un'indennità di licenziamento. Confindustria si è detta favorevole, ma dal sindacato si è levato unanime un coro di no.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4