sabato 03 dicembre | 05:40
pubblicato il 03/lug/2013 15:38

Lavoro: Giovannini, nostro decreto in direzione documento Berlino

Lavoro: Giovannini, nostro decreto in direzione documento Berlino

(ASCA) - Roma, 3 lug - Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini, esprime soddisfazione sull'esito dell'incontro con i colleghi dell'Ue e sui contenuti della dichiarazione finale approvata oggi a Berlino. ''Il decreto sul lavoro approvato la scorsa settimana dal governo va esattamente nella direzione di accompagnare, e su alcuni aspetti precorrere, l'iniziativa Ue della Garanzia Giovani'', ha specificato il Ministro.

In particolare, tra le misure che chiede l'Europa c'e' quella di migliorare gli interventi di preparazione all'iniziativa della garanzia giovani: il decreto ha creato incentivi dedicati ai giovani che potranno essere assunti dalle imprese e inoltre ha incoraggiato i tirocini degli studenti sia delle scuole superiori sia delle universita', un maggiore orientamento nelle scuole professionali per incontrare le esigenze delle aziende. Riguardo alle misure di supporto raccomandate per favorire l'autoimprenditorialita' contenute nel documento finale dei ministri europei, il decreto comprende azioni per promuovere la creazione di nuove aziende da parte dei giovani, prevedendo incentivi anche con riferimento alle start up. A riguardo il decreto 76/2013 si dedica in particolare alle regioni del Mezzogiorno, dove la disoccupazione giovanile raggiunge livelli drammatici.

Tra le altre azioni per il contrasto alla disoccupazione giovanile previste dal documento approvato oggi, il decreto sul lavoro risponde alla richiesta del miglioramento dei servizi per l'impiego e dei sistemi d'istruzione professionale. Prevede, infatti, l'istituzione presso il Ministero del Lavoro di una struttura di missione per realizzare un'azione coordinata per le politiche attive per il lavoro, i servizi per l'impiego e per l'avvio del programma per la garanzia giovani per la quale l'Italia presentera' il suo piano nei tempi previsti. Sara' poi creata una banca dati centralizzata per la gestione delle politiche attive e passive del lavoro. I ministri del lavoro dell'UE convengono sul successo di quest'azione congiunta, una convergenza d'intenti rappresentata anche dalla semplicita' delle misure espresse, dalla loro trasparenza, per il fatto che tengono conto delle specificita' dei destinatari, che siano misurabili nel tempo e aperte al dialogo con le parti sociali e alle partnership tra pubblico e privato.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari