martedì 17 gennaio | 20:37
pubblicato il 03/lug/2013 15:38

Lavoro: Giovannini, nostro decreto in direzione documento Berlino

Lavoro: Giovannini, nostro decreto in direzione documento Berlino

(ASCA) - Roma, 3 lug - Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Enrico Giovannini, esprime soddisfazione sull'esito dell'incontro con i colleghi dell'Ue e sui contenuti della dichiarazione finale approvata oggi a Berlino. ''Il decreto sul lavoro approvato la scorsa settimana dal governo va esattamente nella direzione di accompagnare, e su alcuni aspetti precorrere, l'iniziativa Ue della Garanzia Giovani'', ha specificato il Ministro.

In particolare, tra le misure che chiede l'Europa c'e' quella di migliorare gli interventi di preparazione all'iniziativa della garanzia giovani: il decreto ha creato incentivi dedicati ai giovani che potranno essere assunti dalle imprese e inoltre ha incoraggiato i tirocini degli studenti sia delle scuole superiori sia delle universita', un maggiore orientamento nelle scuole professionali per incontrare le esigenze delle aziende. Riguardo alle misure di supporto raccomandate per favorire l'autoimprenditorialita' contenute nel documento finale dei ministri europei, il decreto comprende azioni per promuovere la creazione di nuove aziende da parte dei giovani, prevedendo incentivi anche con riferimento alle start up. A riguardo il decreto 76/2013 si dedica in particolare alle regioni del Mezzogiorno, dove la disoccupazione giovanile raggiunge livelli drammatici.

Tra le altre azioni per il contrasto alla disoccupazione giovanile previste dal documento approvato oggi, il decreto sul lavoro risponde alla richiesta del miglioramento dei servizi per l'impiego e dei sistemi d'istruzione professionale. Prevede, infatti, l'istituzione presso il Ministero del Lavoro di una struttura di missione per realizzare un'azione coordinata per le politiche attive per il lavoro, i servizi per l'impiego e per l'avvio del programma per la garanzia giovani per la quale l'Italia presentera' il suo piano nei tempi previsti. Sara' poi creata una banca dati centralizzata per la gestione delle politiche attive e passive del lavoro. I ministri del lavoro dell'UE convengono sul successo di quest'azione congiunta, una convergenza d'intenti rappresentata anche dalla semplicita' delle misure espresse, dalla loro trasparenza, per il fatto che tengono conto delle specificita' dei destinatari, che siano misurabili nel tempo e aperte al dialogo con le parti sociali e alle partnership tra pubblico e privato.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa