sabato 10 dicembre | 13:50
pubblicato il 30/mar/2012 09:55

Lavoro/ Fornero: Angoscia per crisi, non vogliamo spaccare Paese

Non sono senza cuore, colpita da tensioni sociali e disperazione

Lavoro/ Fornero: Angoscia per crisi, non vogliamo spaccare Paese

Roma, 30 mar. (askanews) - Il governo è "sensibile" e angosciato per le difficoltà dei lavoratori nella crisi economica e non vuole spaccare il Paese con le riforme. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Elsa Fornero, secondo cui "la preoccupazione di spaccare il Paese è del governo e del ministro del Lavoro in particolare. Mi stupisco abbastanza quando mi vedo descritta come una persona senza cuore, perchè posso assicurare che non lo sono. L'idea - ha sottolineato - che ci sia così tensione sociale, così disperazione fino ad arrivare in certi casi a gesti estremi, è una cosa che veramente mi crea angoscia". "Il governo e il ministro - ha aggiunto la Fornero intervenendo su Radio1 - non sono insensibili. Noi ci mettiamo tutta l'energia e tutta la sensibilità, anche se appariamo freddi, tecnici. Non riusciamo a fare tutto ma spaccare il paese è l'ultima cosa che vogliamo fare".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Latte
Mipaf: per latte e formaggi origine obbligatoria in etichetta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina