mercoledì 22 febbraio | 11:42
pubblicato il 18/set/2014 16:34

Lavoro: Fim-Cisl, su art.18 contrapposizione che riporta Paese indietro

(ASCA) - Roma, 18 set 2014 - ''Le forzature del Governo e il ricorso allo sciopero sull'articolo 18, riporterebbe il Paese venti anni indietro e non servirebbe a creare nuovo lavoro, ne' al Governo ad ottenere benevolenza in Europa, farebbe solo la fortuna dei soliti noti, nostalgici degli anni '70, presenti nel sindacato e tra le file del Governo''. Lo dichiara il segretario generale della Fim-Cisl, Giuseppe Farina.

''Non sono le regole sul mercato del lavoro ne' tantomeno la soppressione dell'articolo 18 che potranno rilanciare l'economia e l'industria e far crescere il lavoro'' prosegue ''il governo deve cambiare agenda e priorita' e mettere al centro della sua azione il rilancio degli investimenti e dell'industria nel nostro Paese, l'unica e concreta condizione per superare le tante crisi aziendali, far ripartire la crescita e dare speranza di nuovo lavoro ai giovani''.

''Su questo obiettivo - annuncia - martedi' 30 settembre alle 10.30, il sindacato metalmeccanico della CISL manifestera' a Roma sotto Palazzo Chigi e Parlamento.

Centinaia tra delegati, cassaintegrati e lavoratori in mobilita', provenienti da tutt'Italia, porteranno a Roma la crisi dell'industria metalmeccanica e le proposte della Fim Cisl per uscirne fuori.

Vogliamo dare la sveglia al Governo e alla politica.

Chiediamo che venga messa al centro dell'azione del Governo un progetto di rilancio dell'industria che oltre a risolvere le emergenze delle tante crisi aziendali, affronti con decisione i nodi competitivi che penalizzano imprese e lavoro industriale e allontanano gli investimenti esteri dal nostro Paese (alta tassazione sul lavoro e alto costo dell'energia, accesso al credito, ritardi nelle infrastrutture industriali, la stabilita' delle regole e l'efficienza della pubblica amministrazione, ecc.).

Ma anche, progetti di investimenti pubblici e di incentivi a quelli privati, a sostegno di un piu' avanzato posizionamento della nostra industria su mercati.

Perche' senza investimenti e senza industria non c'e' ne' crescita ne' lavoro ed e' su questo che il Governo e la politica debbono urgentemente dare risposte''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%