domenica 04 dicembre | 13:13
pubblicato il 24/lug/2014 13:47

Lavoro: Farmindustria, intesa con Ministero per dare risposte ai giovani

(ASCA) - Roma, 24 lug 2014 - L'accordo ''per favorire il concreto e urgente inserimento dei giovani nel mondo del lavoro'', raggiunto ''grazie alla volonta' condivisa del Ministro Poletti e dell'industria farmaceutica, offre risposte alle difficolta' che vivono le nuove generazioni''.

E' il commento di Farmindustria al protocollo d'intesa, firmato oggi a Roma dal ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti e dal presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, per promuovere l'occupazione attraverso il Piano Nazionale ''Garanzia per i Giovani''.

Farmindustria, si legge in una nota, ricorda ''l'impegno che nasce dalla produzione di eccellenza e dall'attivita' di ricerca delle imprese del farmaco. E da un miliardo e cinquecento milioni di euro di nuovi investimenti in tre anni, con 2.000 opportunita' di lavoro per i giovani nei prossimi 12 mesi''.

''La stabilita' delle regole garantita dal Governo Renzi e' la premessa fondamentale per mantenere gli investimenti e per realizzarne di nuovi'', afferma Farmindustria, che ricorda alcuni dati: ''174 'fabbriche' su tutto il territorio, 28 miliardi di produzione con un export di 19 miliardi (71%), 2,3 miliardi di investimenti in produzione e ricerca e 62 mila addetti qualificati'', che ''dimostrano come l'Italia possa rimettersi in moto, puntando anche sulla leva della farmaceutica.

''L'Italia e' il secondo Paese produttore di farmaci nella Ue, dopo la Germania. E la qualita' delle risorse umane e' il fattore piu' rilevante per l'attrazione degli investimenti esteri. Con questo Protocollo - conclude Farmindustria -, in un contesto di stabilita' di regole, le industrie farmaceutiche intendono mantenere l'impegno di dare opportunita' di esperienze e di lavoro ai giovani.

Contribuendo cosi' anche con futuri investimenti, di aziende nazionali e di multinazionali, alla crescita del settore e alla ripresa economica. Riconoscere il valore industriale del settore, come sta facendo il Governo Renzi, puo' innescare quindi un circolo virtuoso che oggi vede un primo risultato''.

com-sam/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari