domenica 04 dicembre | 17:40
pubblicato il 26/feb/2015 17:01

Lavoro: Evasi contributi per 1,5 miliardi di euro

Trovate irregolarità nel 64% delle aziende ispezionate

Lavoro: Evasi contributi per 1,5 miliardi di euro

Roma, 26 feb. (askanews) - Nel 2014 resta su livelli altissimi il numero delle aziende che hanno violato le norme sul lavoro o che hanno evaso i contributi. E' il quadro che emerge dal rapporto annuale sull'attività di vigilanza di Ministero del Lavoro, Inps e Inail.

Delle oltre 221mila imprese finite nel mirino degli ispettori, ben il 64,1% sono risultate con irregolarità sostanziali come l'evasione contributiva. La cifra accertata l'anno scorso è arrivata a 1,5 miliardi di euro, 85 milioni in più rispetto al 2013.

E sono oltre 181mila le persone trovate con posizioni irregolari. Di questi, 77mila lavoravano totalmente in nero. Una piaga concentrata soprattutto nel terziario e nell'edilizia che ha portato all'emissione di oltre 41.000 maxi-sanzioni.

Resta la difficoltà di trasformare l'evasione accertata in denari effettivamente recuperati. In media si riesce a far rientrare solo il 50% del dovuto.

Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari