lunedì 16 gennaio | 18:26
pubblicato il 12/set/2014 14:22

Lavoro: Damiano, vertice governo-maggioranza per sbloccare jobs act

(ASCA) - Torino, 12 set 2014 - ''Diventa indispensabile una riunione di maggioranza con il governo e le commissioni lavoro di Camera e Senato per decidere qual e' l'indirizzo.

Altrimenti si rischia un ping pong estenuante tra Camera e Senato rendendo incerti i tempi della approvazione del jobs act''. E' quanto ha sostenuto il presidente Pd della commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano, a margine della riunione dell'ufficio di presidenza del Comitato delle Regioni Ue a Torino, alla vigilia della settimana cruciale, la prossima, della discussione sulla delega in Senato.

Ricordando che il collegato Lavoro del governo Berlusconi fece otto passaggi parlamentari, Damiano sottolinea: ''Vorrei mantenere gli impegni che ci siamo dati, concludere l'iter con il voto finale in senato entro novembre, e avere un accordo politico preventivo''. Quanto ai temi Damiano ha ribadito di essere nettamente contrario a cancellare il contratto a tutele crescenti. ''Sono contrario che padre e figlio abbiano tutele diversificate'', ha detto. ''Quanto allo Statuto dei lavoratori, che non e' richiamato dalla delega come non lo e' l'articolo 18 - ha aggiunto - non e' possibile dare fondo a una revisione totale di un articolato di 40 articoli che va dalla tutela della liberta' e dignita' del lavoratore ai diritti sindacali. Se si vuole fare invece interventi su questioni di carattere specifico si puo'''. Sul controllo a distanza Damiano ha sostenuto la legittimita' del solo controllo sull'impianto ma non sul lavoratore. Quanto alle mansioni: ''sono contrario al demansionamento , ma si puo' affidare alle parti sociali la compilazione di una griglia di mansioni equivalenti, a parita' di retribuzione, ma non si puo' entrare professore e uscire bidello''.

''Bisognerebbe infine intervenire sull'articolo 19 per risolvere il tema della rappresentanza nei luoghi di lavoro''. Quanto all'articolo 18 Damiano ha ribadito che bisogna considerare il sistema delle tutele. ''Quello attuale non compensa nessuna liberta' di licenziamento. Quando noi facciamo riferimento ad altri modelli, danese o tedesco, non possiamo prenderne solo una parte, il licenziamento: il modello tedesco, ad esempio ha anche la cogestione nel comitato di sorveglianza, e lo Statuto dei lavoratori si applica alle aziende dai 5 dipendenti in su, i centri per l'impiego tedesco hanno 130mila addetti, noi novemila. Quindi quando si parla di modelli bisogna prenderli in toto'' .

eg/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Luxottica
Luxottica ed Essilor verso fusione, Luxottica vola in borsa (+13%)
Luxottica
Luxottica si unisce a Essilor, nasce leader prodotti per la vista
Cambi
Sterlina a minimi dopo crollo ottobre, cala sotto 1,2 su dollaro
Conti pubblici
Conti pubblici: Ue chiede il conto, Italia tratta
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello