lunedì 05 dicembre | 03:57
pubblicato il 30/set/2014 09:29

Lavoro, Cnel: in Italia piu' flessibilita' licenziamenti di Germania

Anche Olanda, Francia e Belgio hanno un grado di protezione superiore (ASCA) - Roma, 30 set 2014 - In Italia e' piu' facile licenziare che in Germania, ma anche in Francia e Olanda il grado di protezione del lavoro e' superiore alla Penisola. E' quanto emerge dal rapporto del Cnel sul mercato del lavoro 2013-2014 nel quale si illustra l'evoluzione della normativa sul lavoro negli ultimi 20 anni. Alla fine degli anni Novanta l'economia italiana si caratterizzava per una regolamentazione piu' rigida dei rapporti di lavoro anche rispetto ai principali paesi europei. "Da allora pero' la situazione del mercato del lavoro italiano e' cambiata - scrive il Cnel - e il nostro Paese ha guadagnato un certo grado di flessibilita'. Nei ranking dell'Ocse il grado di protezione dei rapporti di lavoro in Italia nel 2013 risultava inferiore a quello francese, e prossimo ai livelli riscontrati in Germania e Spagna.

"Considerando congiuntamente il grado di protezione fornito nel caso dei licenziamenti individuali e collettivi, attualmente l'Italia risulta essere addirittura piu' flessibile della Germania, al cui modello la riforma Fornero si era all'epoca ispirata; anzi, il sistema tedesco risulta ora in cima alla classifica dell'Ocse seguito da Belgio, Olanda, Francia e poi dall'Italia.(Segue) Did

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari