martedì 21 febbraio | 09:08
pubblicato il 03/giu/2014 15:14

Lavoro: Cisl, serve spinta per far ripartire investimenti

(ASCA) - Roma, 3 giu 2014 - ''Ai dati drammatici sui disoccupati diffusi oggi dall'Istat, bisogna aggiungere i quasi due milioni di scoraggiati, sopratutto giovan , che non riescono ad entrare nel mondo del lavoro. In presenza di questi numeri da '' allarme rosso, poco possono fare le modifiche alle regole del lavoro''. E' quanto sostiene in una nota il Segretario confederale della Cisl, Lugi Sbarra, commentando i dati diffusi oggi dall'Istat. ''Bisogna dare priorita' al lavoro, sostenendo la crescita economica e lo sviluppo nel Paese e nel Mezzogiorno in modo particolare - sottolinea - serve una forte spinta per far ripartire gli investimenti pubblici e privati , rilanciare la domanda interna e i consumi, puntare decisamente al sostegno di interventi nelle infrastrutture e nella logistica, alla messa in sicurezza del territorio con un rinnovato impegno nelle politiche ambientali. Ed e' di assoluta necessita'' una nuova strategia di politica industriale, unita alla piena utilizzazione e ottimizzazione delle risorse comunitarie''. ''E' questo il vero carburante che serve per far ripartire la macchina del lavoro e dell'occupazione nel nostro Paese .Da questo punto di vista continuiamo a ritenere sbagliato l'atteggiamento del governo nazionale e del ministero del Lavoro, che rallenta in maniera inspiegabile la ripartizione e assegnazione alle Regioni delle risorse gia'' previste dalla Legge di Stabilita'' 2014 per finanziare gli ammortizzatori sociali in deroga. La mancata attribuzione delle risorse - conclude Sbarra - provoca, da un lato forti tensioni tra i lavoratori che vantano sussidi maturati e arretrati da molti mesi, dall'altro causa elementi di forte preoccupazione nelle imprese, che in presenza di un quadro di incertezza finanziaria possono determinare soluzioni di licenziamento per molti lavoratori''. Per Sbarra ''e' positivo - infine - l'intervento di alleggerimento fiscale delle retribuzioni operato dal governo nazionale, ma da solo non e' sufficiente se non collegato ad una chiara strategia per rilanciare crescita e lavoro nel nostro Paese''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, Delrio: ci sono problemi seri, siamo preoccupati
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Conti pubblici
Padoan: da migliori previsioni no impatto su manovra correttiva
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia