domenica 22 gennaio | 15:39
pubblicato il 19/gen/2013 12:00

Lavoro/ Cisl: 567mila occupati in meno in quadriennio 2008-2012.

Cassa integrazione 7 volte più alta rispetto a livelli pre-crisi

Lavoro/ Cisl: 567mila occupati in meno in quadriennio 2008-2012.

Roma, 19 gen. (askanews) - L'osservatorio Cig-Occupazione della Cisl evidenzia che nel mese di dicembre 2012 le ore autorizzate di cassa integrazione ammontano a 86,5 milioni, portando il numero di ore complessivamente autorizzate nel 2012 a 1.090,6 milioni, contro i 973,2 milioni del 2011, segnando un aumento del 12,1%. Né i valori complessivi né la dinamica in corso d'anno sono divergenti tra 2011 e 2012: i valori mensili - si legge in un comunicato della Confederazione sindacale di via Po - si mantengono sempre elevati, avvicinandosi di frequente ai 100 milioni di ore, talvolta superando tale soglia. L'unica differenza di qualche rilievo sta nei maggiori valori della cassa ordinaria nel 2012 rispetto al 2011, indicativi di nuove aziende in crisi, mentre l'utilizzo complessivo della cassa straordinaria e della cassa in deroga è simile nei due anni. Con i dati definitivi del 2012 le ore di cassa integrazione si attestano intorno al miliardo per il quarto anno consecutivo, corrispondenti a circa 500.000 lavoratori mediamente coinvolti ogni anno. Rispetto ai valori pre crisi del 2007 ci assestiamo, in tutto il periodo 2008-2012 su livelli di circa sette volte superiori. Nel 2012 il settore più in sofferenza - sottolinea la Cisl - è certamente il commercio che ha visto un aumento di circa il 40% delle ore autorizzate rispetto al 2011. L'area geografica più penalizzata è invece il Centro Italia con un aumento delle ore di cassa tra 2011 e 2012 di circa il 26% più del doppio del dato medio del paese. Nel complesso del periodo gennaio-novembre 2012 le domande di disoccupazione sono cresciute del 14,49% rispetto allo stesso periodo 2011 e le domande di mobilità del 17,82%. Per l'occupazione l'analisi dei dati Istat del III trimestre 2012 evidenzia un netto peggioramento. Infatti la stabilità del numero di occupati non può considerarsi un segnale di uscita dalle criticità, essendo dovuta all'aumento degli occupati con almeno 50 anni, a sua volta provocato dalla forzata permanenza al lavoro per via delle riforme pensionistiche. A tale fenomeno però corrisponde il calo di occupati delle fasce di età inferiori, soprattutto i più giovani. Gli effetti della crisi si mostrano anche nella riduzione del lavoro a tempo indeterminato, mentre crescono i dipendenti a termine ed i collaboratori, e nella riduzione del tempo pieno con contestuale aumento del tempo parziale involontario. In qualche modo lavoro flessibile e part-time evitano un calo ancora maggiore dell'occupazione. E' ancora il settore industriale a mostrare chiari segnali di sofferenza. Nel III Trimestre 2008, vale a dire subito prima dell'inizio della crisi mondiale, il tasso di occupazione era pari al 59%, corrispondente a 23.518.000 persone occupate, dopo quattro anni l'indicatore è sceso al 56.9%, pari a 22.951.000 di occupati. In quattro anni l'economia italiana ha perso 567.000 occupati.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4